Navigation

Muore l’attentatore che ha seminato il panico in Texas


Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2018 - 16:30
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 21.3.2018)
Contenuto esterno

Si è conclusa con la morte dell’autore la vicenda degli attacchi bomba in Texas.

Il sospetto dinamitardo, il 23enne identificato come Mark Anthony Conditt, è morto nella sua auto in seguito a un’esplosione provocata verosimilmente dallo stesso Unabomber mentre stava per essere raggiunto dalla polizia che era sulle sue tracce nei pressi di una strada interstatale a nord di Austin. Nella deflagrazione è rimasto ferito anche un agente.   

Negli ultimi giorni l'autore degli attentati aveva colpito quattro volte ad Austin causando due morti e alcuni feriti ed una volta, ieri a Schertz dove un pacco bomba è esploso in un centro di distribuzione della FedEx ferendo un dipendente del corriere internazionale.

La polizia, che si è avvalsa della cooperazione dell’FBI, aveva localizzato il sospetto in un hotel di Round Rock, località a una trentina di chilometri a nord di Austin.

L’attentatore ha lasciato l’albergo proprio mentre gli agenti attendevano l’arrivo di un mezzo delle forze speciali per arrestarlo. È quindi scattato l’inseguimento che ha avuto un tragico epilogo per il dinamitardo.

 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.