Navigation

I problemi dell’(im)mobilità stradale

Un calvario che si ripete tutti i giorni nelle ore di punta Keystone / Karl Mathis

Chi la percorre tutti i giorni (ma anche chi ci è capitato negli orari sbagliati) lo sa bene: percorrere l’autostrada A2 da Chiasso a Lugano di mattina e da Lugano a Chiasso a fine pomeriggio è un vero e proprio calvario.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 febbraio 2022 - 13:29
tvsvizzera.it/mrj con Patti Chiari RSI

Per spostarsi di una trentina di chilometri su questa tratta ci si mette spesso oltre un’ora (oltre il doppio rispetto a quanto ci si impiegherebbe normalmente).

Il traffico difficile nel cantone sudalpino non si limita però solo a questa tratta, che è solo la punta dell’iceberg: il piano di Magadino, il Malcantone, l’agglomerato di Lugano, l’entrata e l’uscita da Bellinzona e da Locarno sono tutte zone dove nelle ore si punta il traffico esplode e rischia regolarmente di collassare.

Una situazione definita inaccettabile dallo stesso responsabile del Dipartimento del territorio ticinese Claudio Zali.

Contenuto esterno

E se gli automobilisti devono spesso fare i conti anche con cantieri (ogni giorno nel canton Ticino ce ne sono almeno 50 aperti, che in estate toccano quota 500), che causano riduzioni di corsie e di velocità o semafori, chi sceglie i mezzi pubblici non ha la vita tanto più facile: ritardi e coincidenze perse sono all’ordine del giorno.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?