Navigation

I liberal-radicali senza presidenza

La presidente uscente del PLR Petra Gössi. © Keystone / Alessandro Della Valle

Dalle votazioni tenutesi in Svizzera questa domenica non sono uscite perdenti solo le iniziative ambientaliste (tutte e tre rifiutate dal popoloLink esterno), ma anche il Partito liberale radicale (PLR), la cui presidente Petra Gössi ha annunciato lunedì via Twitter le proprie dimissioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 giugno 2021 - 18:56
tvsvizzera.it/mrj con Keystone-ATS

Dopo cinque anni alla testa del partito, la 45enne dice di volersi dedicare maggiormente alla sua carriera di consigliera giuridica, fiscale e in gestione presso Baryon AG a Zurigo. Una decisione, la sua, già discussa con la direzione del partito: "Siamo già a metà strada tra le due elezioni federali e abbiamo sviluppato una strategia liberale su questioni importanti", scrive nel tweet.

Contenuto esterno

Gössi, il cui mandato di presidente si protrarrà al massimo fino alla fine dell’anno, intende mantenere invece il suo ruolo di consigliera nazionale: "Continuerò a difendere le mie convinzioni liberali in Parlamento".

La sua rinuncia sopraggiunge il giorno dopo la bocciatura della revisione della legge sul CO2, difesa dal PLR. La stessa Gössi aveva dato una svolta verde al suo partito negli ultimi due anni. Una nuova delusione per la liberale, che si era già detta molto amareggiata dopo il fallimento dell’accordo quadro con l’UE, negoziato negli ultimi anni in gran parte proprio da consiglieri federali appartenenti al suo partito.  

Contenuto esterno
Contenuto esterno

Il PLR ha fatto sapere tramite un comunicato di "rammaricarsi molto della decisione", ma di vedere queste dimissioni come un modo per rilanciare la strategia del partito in vista delle elezioni federali del 2023. Resta tempo a sufficienza per preparare lo scrutinio "in maniera ottimale e per presentare nuovi volti e nuove idee", si legge in un comunicato.

Il Partito liberale radicale (PL) è il terzo partito svizzero, caratterizzato da un liberalismo conservatore di centro-destra. Davanti al PLR si trovano, in prima posizione l’Unione democratica del centro (UDC – destra) e il Partito socialista (Ps – sinistra).  

End of insertion

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.