Navigation

I dimenticati di Lesbo

Contenuto esterno

Reportage dall'isola greca che gioca un ruolo chiave nello scacchiere migratorio e dove opera l'ong svizzera "One Happy Family".

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2022 - 14:30
Romina Vinci, RSI News

La porta d’Europa e il fallimento delle politiche migratorie dell’Unione europea: così è stata considerata l’isola di Lesbo, che per anni ha ospitato il campo profughi di Moria, il più grande del vecchio continente. È stato dato alle fiamme nel settembre 2020, e dei ventimila migranti che vi erano stipati allora, oggi ne vengono ospitati meno di duemila.

“Gli altri sono stati mandati nei centri di accoglienza di Atene e Salonicco, ma le loro condizioni rimangono precarie”, racconta Fabian Bracher, fondatore dell'organizzazione non governativa (ong) svizzera “One Happy Family”, che da anni opera a Lesbo.

Per i migranti rimasti sull’isola è stato allestito un campo governativo, “Mavrovouni”, con ferree regole da rispettare. Molti la paragonano ad una prigione a cielo aperto, a causa delle sue recinzioni e della massiccia presenza delle forze dell’ordine.

“Possono uscire solo tre volte a settimana, mentre durante i weekend e nelle festività sono obbligati a rimanere dentro”, racconta Fabian Bracher. E poi manca l’acqua corrente e l’elettricità spesso è assente. L'ong elvetica opera sul territorio offrendo servizi e dando anche opportunità di inserimento lavorativo ai migranti. 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?