Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

I conti in tasca Seimila franchi di salario in Svizzera sono davvero tanti?

Il livello dei salari in Svizzera può sembrare esorbitante per chi vive in altri paesi. Basta però dare un’occhiata alle spese cui devono far fronte i cittadini elvetici per rendersi conto che le cifre non sono così stravaganti.

Un impiegato di banca ritratto di schiena seduto davanti al computer mentre si stira.

Un salario di 6'000 franchi? Chi non è al corrente del costo della vita in Svizzera potrebbe pensare di avere vinto al lotto.  

(Keystone)

Quando uno svizzero viaggia all’estero, in particolare in paesi dove i salari sono sensibilmente inferiori, se qualcuno gli chiede quanto guadagna cerca subito di cambiare discorso o a volte mente spudoratamente. Come fare capire che i 5 o 6 mila euro di salario non possono essere paragonati ai mille o 2 mila euro che guadagna l’interlocutore?

Facciamo allora un po’ i conti in tasca a chi lavora in Svizzera, sulla base dei dati dell’indagine sul budget delle economie domesticheLink esterno dell’Ufficio federale di statistica.

Il signor Mario è il nostro svizzero-tipo. Vive da solo, ha 30 anni, è impiegato di commercio e guadagna esattamente il salario medio di una persona sola, ovvero 6'250 franchi al mese (5'450 euro). Naturalmente è una cifra ipotetica, una media appunto; le variazioni possono essere grandi a seconda del mestiere e della regione in cui si vive. Un impiegato di commercio non guadagna la stessa cifra lavorando a Zurigo o a Lugano. A Zurigo, ad esempio, secondo la calcolatrice dei salariLink esterno della Confederazione Mario, che lavora in una società finanziaria, potrebbe guadagnare più di 7'000 franchi al mese. In Ticino, invece, un migliaio di franchi in meno.

Previdenza professionale, affitto e tasse

Alla fine del mese, nella sua busta paga Mario non troverà però 6'250 franchi. Da questa somma sono infatti automaticamente detratti circa 550 franchi per l’Assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS, pensione), l’Assicurazione disoccupazione, quella per gli infortuni extraprofessionali e il secondo pilastro (per saperne di più sulle assicurazioni sociali in Svizzera e su cos'è il secondo pilastro cliccate quiLink esterno). Sul conto di Mario, il datore di lavoro verserà quindi 5'700 franchi.

Una volta ricevuto il salario, Mario dovrà prima di tutto pagare le imposte, che contrariamente a quanto accade in molti altri paesi, ad esempio in Italia, non sono direttamente dedotte dal salario. E così se ne andranno in media altri 850 franchi. Anche per le imposte, bisogna però precisare che la situazione può variare molto da un cantone all’altro e addirittura da un comune all’altro (per saperne di più sul sistema fiscale svizzero cliccate quiLink esterno). 

Vi sono poi le fatture legate all’appartamento: affitto, elettricità, riscaldamento, acqua, tassa sui rifiuti e così via. La spesa mensile? Altri 1'250 franchi se ci si accontenta di un appartamento piccolo. Se si vuole una casa appena un po’ più grande, si possono aggiungere facilmente almeno 500 franchi. E se si vive in città come Zurigo o Ginevra, il prezzo di un tre locali e mezzo (tre vani e una cucina abitabile) può anche oltrepassare i 2'000 franchi.

Il salasso cassa malati

Tra le altre spese fisse, non va dimenticata l’assicurazione malattie, che è obbligatoria e incide fortemente sul budget delle economie domestiche: in media per una persona sola se ne vanno 330 franchi al mese. Se si è sposati –non è il caso di Mario – la somma va moltiplicata per due (e no, non esistono sconti di gruppo). E per ognuno dei figli, fino all’età di 18 anni si dovrà pagare almeno un centinaio di franchi. Per una famiglia con due figli, le spese per l’assicurazione malattie arrivano così facilmente a circa 1'000 franchi al mese.

Vi sono poi le altre assicurazioni. Contrariamente a molti svizzeri, il nostro Mario non si è assicurato contro tutto e tutti. Si è accontentato del minimo: responsabilità civile (obbligatoria in alcuni casi) e assicurazione dell’auto, ma sono comunque 100 franchi.

Nelle spese fisse vi è anche la voce telecomunicazioni. Tra canone radiotelevisivo, abbonamento per la via cavo o il satellite, servizi di telefonia mobile e fissa se ne vanno altri 150 franchi.

Le spese variabili

Insomma, dopo aver effettuato i pagamenti delle spese fisse a Mario rimarranno ancora in tasca – arrotondiamo – 3'000 franchi. Una bella somma, diranno alcuni. Non abbiamo però ancora considerato le spese di trasporto, in media (tra benzina, ammortamento dell’auto, riparazioni, biglietti dell’autobus e del treno) ben 460 franchi al mese. Ed ecco che così la busta paga si assottiglia ulteriormente.

E poi bisogna ancora nutrire il corpo e lo spirito. Fare la spesa in un supermercato svizzero costa sensibilmente di più rispetto all’Italia, alla Francia o alla Germania. Il prezzo della carne, ad esempio, è del 152% superiore rispetto alla media dei paesi dell’UE. Per i vestiti, la fattura lievita del 34%.

Grafico con i dati dei prezzi di alcuni beni in Svizzera e in Europa
(swissinfo.ch)

Secondo i dati dell’Ufficio federale di statistica, ogni mese una persona sola spende poi 450 franchi in prodotti alimentari e bevande, 130 per vestiti e scarpe e 300 per mobili, articoli per la casa e l’igiene personale.

Mezzo milione di poveri

Se i generi alimentari sono cari, il conto dei ristoranti rischia di fare andare di traverso la cena. Per una pizza, una birra e un caffè si possono facilmente spendere 30 franchi. Se confrontiamo l’indice ‘Big Mac’Link esterno, lo stesso panino venduto a 4,80 dollari in Italia o a 5,30 dollari negli Stati Uniti, costa ben 6,74 dollari in Svizzera, il valore più alto di questa speciale classifica. E così per i ristoranti e i divertimenti in generale, le uscite mensili medie ammontano a circa 700 franchi.

In questo ipotetico calcolo mancano ancora alcune spese. Ad esempio per i regali o gli aperitivi e le cene offerte agli amici, una persona sola sborsa in media 215 franchi al mese. Essendo Mario un tirchio, nella nostra tabella non abbiamo riportato questa voce. Così come non abbiamo preso in considerazione eventuali alimenti versati ai figli che vivono con l’ex coniuge e assicurazioni sulla vita (360 franchi in media).

Mario può considerarsi fortunato. Ha un buon lavoro e dopo avere dedotto tutte le spese fisse e variabili, in tasca gli restano ancora 850 franchi. Basta però modificare qualche variabile, ad esempio affittare un appartamento appena un po’ più grande o avere un figlio a carico, per rendersi conto che con un salario di 6'250 franchi al mese non si possono fare follie.

Non bisogna infine dimenticare che vi è un’ampia parte della popolazione che sognerebbe di avere il salario del nostro Mario. Su circa 8 milioni di abitanti, la Svizzera conta mezzo milione di poveri e un altro mezzo milione di persone sono a rischio povertà.

(1)

Cosa resta alla fine del mese con un salario di 6200 franchi?

Il budget mensile per un salario di 6250 franchi

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×