Navigation

La bandiera siriana sventola di nuovo a Duma

L'enclave ribelle è caduta nella notte nelle mani dell'esercito governativo siriano. Intanto Donald Trump continua a fare la voce grossa contro Damasco e l'alleato russo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 aprile 2018 - 13:37
tvsvizzera.it/mar/ATS con RSI (TG del 12.4.2018)
Contenuto esterno


Dopo settimane di intensi bombardamenti, gli ultimi membri del gruppo islamista Jaish al Islam che resistevano a Duma, l'ultima località della Ghouta orientale ancora in mano ai ribelli, si sono arresi.

In base all'accordo raggiunto domenica con le forze di Bashar al Assad, si sono ritirati più a nord, nella provincia di Idlib, l'ultima regione che sfugge ancora al controllo di Damasco.

Cinque giorni fa, Duma ha subito un attacco con armi chimiche, che ha fatto un centinaio di morti. Accusati da diversi paesi occidentali di essere all'origine dell'attacco, il regime siriano e il suo alleato russo hanno smentito che nella località sia stato fatto uso di simili armi.

In rappresaglia a questa presunta utilizzazione di armi chimiche, Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna stanno valutando l'opzione di un attacco militare.

In un tweet il presidente statunitense Donald Trump è tornato a minacciare Mosca: "La Russia si prepari, i nostri missili stanno arrivando, belli, nuovi e 'intelligenti'!".

Secondo quanto dichiarato dalla portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders, Trump non ha ancora deciso, ma tutte le opzioni rimangono sul tavolo.

Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha dal canto suo lanciato un appello alla calma: "Oggi ho chiamato gli ambasciatori dei cinque Paesi membri permanente del Consiglio di sicurezza ribadendo la mia profonda preoccupazione per i rischi dell'attuale impasse in Siria e ho sottolineto la necessità di evitare che la situazione diventi incontrollabile".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.