Navigation

Guardie e ladri sul confine

La collaborazione transfrontaliera in materia di lotta alla criminalità si è intensificata negli ultimi anni. Il pubblico ha potuto scoprire domenica a Chiasso il lavoro svolto dalle forze dell’ordine.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2017 - 10:18
tvsvizzera.it/mar con RSI (Il Quotidiano del 25.9.2017)
Una guardia di confine svizzera si prepara per un posto di blocco. Keystone

“Se ad esempio i colleghi italiani non hanno sul momento cani antidroga, basta una semplice telefonata e noi possiamo andare dall’altra parte a dare una mano”, illustra Christophe Cerinotti, responsabile della cooperazione internazionale di polizia e della criminalità transfrontalieraLink esterno

I risultati di questa intensificazione della cooperazione mostrano che la strada è quella giusta, afferma dal canto suo il consigliere di Stato ticinese Norman Gobbi: “Gli arresti fatti di recente a seguito di rapine sono proprio dovuti all’aumento della collaborazione tra Svizzera e Italia”.

Per illustrare il lavoro delle forze dell’ordine, l’associazione Lions per la Regio Insubrica ha organizzato domenica a Chiasso una manifestazione a cui hanno partecipato anche diversi rappresentanti delle autorità italiane.

Il pubblico ha potuto avvicinarsi non solo agli strumenti utilizzati dagli agenti, ma anche a quelli cui fanno capo i criminali, che a volte danno prova di grande creatività. Come? Scopritelo nel servizio:

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.