Navigation

Gli USA hanno lasciato l'Afghanistan: che succede ora?

l'UE ha già fatto sapere che non accoglierà i profughi afghani Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Si è concluso lunedì sera il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan: il Pentagono ha annunciato lunedì sera che gli ultimi soldati USA avevano lasciato il Paese, dopo 20 anni di presenza (è stata la guerra più lunga affrontata dall’esercito americano). I talebani riprendono così in mano il potere a tutti gli effetti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 agosto 2021 - 13:13
tvsvizzera.it/mrj

Gli Stati Uniti avevano iniziato la loro missione afghana in seguito agli attacchi dell’11 settembre, rivendicati da Al Qaeda e dal loro leader Osama Bin Laden.

Contenuto esterno

Prima di lasciare l'aeroporto di Kabul, gli ultimi soldati rimasti hanno distrutto alcuni aerei, dei veicoli blindati e un sistema di difesa antimissilistico, per non lasciarli nelle mani dei nuovi padroni dell'Afghanistan.

“Il nostro Paese ha guadagnato la piena indipendenza, grazie ad Allah”, ha twittato il principale portavoce dei talebani.

Contenuto esterno

L’ONU cerca soluzioni

Le Nazioni Unite intanto non sono ancora riuscite a trovare l'unanimità su una risoluzione che chiedeva ai talebani di rispettare la promessa di lasciar partire gli afgani anche dopo il ritiro degli USA (secondo le stime, oltre 500'000 cercheranno di lasciare il Paese anche nelle prossime settimane/mesi), lasciar entrare gli aiuti umanitari, rispettare i diritti umani e combattere il terrorismo. Cina e Russia hanno negato il loro assenso poiché la risoluzione, proposta da Francia e Gran Bretagna, non diceva nulla sul caos in cui è avvenuto il ritiro statunitense e sulla situazione catastrofica che si sono lasciati dietro.

L’UE non accoglierà i profughi

L'Unione europea ha già fatto sapere di non aver intenzione di accogliere le migliaia di profughi in arrivo dall’Afghanistan e intende mettere a punto una strategia comune per il respingimento.

Contenuto esterno

In compenso si lavorerà per garantire che gli aiuti umanitari raggiungano le popolazioni vulnerabili e si chiederà ai paesi confinanti con l'Afghanistan di accogliere loro i migranti. Uno schema già testato con la Turchia, ma che può avere un prezzo politico molto alto.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.