Navigation

Gli USA di nuovo a Taiwan, per la rabbia di Pechino

La delegazuone USA è composta da un senatore democratico e quattro deputati del Congresso. Keystone / Wang Yu Ching/taiwan Presidentia

Pochi giorni dopo quella della presidente della Camera Nancy Pelosi, un’altra visita statunitense a Taiwan (non annunciata) ha fatto arrabbiare la Cina: una delegazione del Congresso composta da un senatore democratico e quattro deputati è infatti arrivata a Taipei domenica per “discutere un rafforzamento delle relazioni tra i due Pesi”. Pechino, che considera Taiwan parte del suo territorio nazionale, ha subito reagito con nuove esercitazioni militari.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2022 - 14:30
tvsvizzera.it/mrj

Poco prima dell’arrivo della delegazione USA a Taiwan, sei navi da guerra e 20 aerei militari cinesi sono entrati nella zona di difesa dell’isola: “Stiamo difendendo la nostra sovranità”, dicono da Pechino. “Schiacceremo ogni influenza esterna”. La visita “mostra solo che gli Stati Uniti vogliono sabotare la pace nella regione” ha dichiarato il ministro della difesa cinese.

Le autorità di Taiwan hanno dal canto loro risposto che “Washington è con noi e la Cina non può dirci chi far entrare nei nostri confini”.

Washington ha dal canto suo già annunciato nuovi pattugliamenti aerei e marittimi attorno a Taiwan, mentre Pechino continuerà le esercitazioni anche nei prossimi giorni.


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?