Navigation

Gli anziani vengono sedati ben più sovente del necessario

Sono 619 le case di cura prese in esame. © Keystone / Goran Basic

Più di un ospite su tre riceve farmaci neurolettici nelle case di cura, anche quando non ne ha bisogno. E le conseguenze sono debilitanti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 maggio 2022 - 20:45
tvsvizzera.it/MaMi

Narcolettici somministrati a persone anziane che non ne avrebbero bisogno. È questo, in buona sostanza, quanto rivela uno studio effettuato dal centro di competenza Vecchiaia senza violenzaLink esterno della Svizzera tedesca. Sono 619 le case di cura prese in esame nel periodo 2019-2020: ne risulta che il 37% degli ospiti riceve farmaci neurolettici, anche quando non ce ne sarebbe bisogno. 

Questo tipo di medicine viene solitamente somministrato per patologie psichiche come la schizofrenia o il disturbo bipolare. Nel caso degli anziani, il loro utilizzo verrebbe giustificato con la mancanza di tempo da dedicare alla loro cura individuale.

Come confermato dallo studio, non di rado è il personale che chiede al medico curante di prescrivere i farmaci per gestire i pazienti più difficili o aggressivi. Gli anziani risultano più calmi, ma le controindicazioni sono pesanti: letargia, incontinenza, vertigini, perdita di qualità di vita.

Di seguito l'intervista andata in onda al TG al geriatra e responsabile dell'area medica dell'Associazione dei direttori delle case per anziani della Svizzera italiana Franco Tanzi.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?