Navigation

Giovani russi e ucraini uniti nel calcio

Giocando assieme a calcio vengono meno i nazionalismi. tvsvizzera

Nel calcio dilettantistico nel Torinese  ci sono squadre di russofoni di varie nazioni ex-sovietiche per i quali la guerra in Ucraina è una cosa lontana e, soprattutto, incomprensibile. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2022 - 11:55
Enrico Marra

Quattro anno fa Yuri Caridi, studente torinese, italo-russo, ha pensato di mettere su la sua “nazionale russa” con cui partecipare al torneo dilettantistico dell’Onlus Balon Mundial, organizzazione che promuove integrazione interculturale attraverso lo sport.

L’evento funziona come la Coppa del mondo e Yuri, avendo difficoltà a mettere insieme undici giocatori russi, più le riserve, ha pensato di allargare la ricerca ai “parlanti il russo”, facendo tornare in campo l’ex URSS ma si tratta di tutt’altro rispetto al sogno di Putin. Spontaneamente, si è creato un gruppo affiatato di amici, non solo russi e ucraini, ma anche bielorussi, moldavi, kazaki, uzbeki e azeri.

In campo si soffre insieme, ci si abbraccia per un goal e ci si consola per un rigore sbagliato. L’amicizia continua anche fuori dallo spogliatoio, dopo la partita si esce insieme per scambiare quattro chiacchiere alla pizzeria di Andriy Dovzhenko, ristoratore ucraino d’origine, il portiere della squadra, che durante le partite di allenamento fatica a difendere la porta dai tiri del suo compagno di maglia Irakliy, ingegnere informatico russo, l’attaccante.

Scoppiata la guerra, la squadra è diventata il punto di riferimento per le famiglie fuggite dalle bombe che sono arrivate in Italia. A Pasqua si è organizzata la vendita solidale di colombe, alcuni hanno messo a disposizione la propria casa e offerto un ambiente familiare, e non solo, quattro nuovi giocatori si sono aggiunti alla squadra, portando la quota degli ucraini presenti in rosa a cinque.

L’USPR, la nazionale russofona torinese, risponde con l’amicizia all’insensatezza della guerra. Un conflitto di cui non capiscono le ragioni.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?