Giornata mondiale La pandemia frena gli sforzi nella lotta contro l'Aids

ragazza con nastro rosso sulla spalla

Da più di 30 anni, il primo dicembre ricorre la Giornata mondiale contro l'Aids.

Keystone / Piyal Adhikary

L'obiettivo prefissato per il 2020 in materia di lotta contro l'Aids non sarà raggiunto. In molti paesi, i servizi di terapia e diagnosi hanno dovuto interrompere le attività a causa della pandemia di coronavirus.

Il 90% dei casi di Hiv diagnosticato, il 90% delle persone sieropositive che ha accesso alle terapie antiretrovirali e il 90% delle persone trattate che potesse ottenere la soppressione della carica virale: era questo l'obiettivo di Unaids, l'agenzia ONU per la lotta all'Aids, per il 2020.

L'obiettivo "90-90-90" non sarà però raggiunto. Dopo il rallentamento constatato già l'anno scorso, lo scoppio della pandemia nel mondo ha bruscamente frenato gli sforzi per lottare contro la malattia.

Interruzione delle terapie

Il coronavirus ha costretto ad interrompere in diverse regioni dei servizi essenziali, in particolare di terapia e diagnosi. Inoltre, sono state constatate interruzioni nella fornitura di farmaci. Solo in luglio - secondo Unaids e Organizzazione mondiale della salute - un terzo delle persone in trattamento è stato confrontato con questo problema.

Sei mesi di interruzioni nell'accesso ai farmaci per l'Hiv - sottolineano le due istituzioni - può portare a un raddoppio delle morti collegate all'Aids nell'Africa subsahariana.

Attualmente, a livello mondiale l'81% delle persone affette da Hiv è a conoscenza dell'infezione, l'82% ha accesso a una terapia e l'88% presenta una carica virale soppressa.

In Svizzera - e più in generale in Europa - le cifre sono decisamente migliori. Nel 2019, nella Confederazione le proporzioni erano di 93-97-96.

Inoltre, l'anno scorso è stato registrato il numero storicamente più basso di nuove infezioni da Hiv, ovvero 421. Dal 2008 i contagi sono in costante calo. A titolo di paragone, negli anni Novanta mediamente vi erano 1'300 casi all'anno.

No alle discriminazioni

In occasione della Giornata mondiale contro l'AIDS, indetta il primo dicembre dal 1988, Aiuto Aids Svizzero ha nuovamente lanciato un appello contro la discriminazioneLink esterno di cui sono ancora troppo spesso vittime le persone affette da Hiv.

"Ogni anno riceviamo circa cento segnalazioni di discriminazioni - afferma il direttore dell'Aiuto Aids Svizzero Andreas Lehner, citato in un comunicato. Riteniamo tuttavia che i casi non denunciati siano molto più numerosi e stimiamo che siano almeno dieci volte superiori. Ciò significa che in Svizzera vengono discriminate tre persone al giorno a causa di una malattia che può essere trattata".

Il clip di Aiuto Aids Svizzero per la Giornata mondiale contro l'Aids:

Nel 2019, nel mondo vi erano 38 milioni di persone sieropositive. I nuovi contagi da Hiv sono stati circa 1,7 milioni, il 23% in meno rispetto al 2010.

Il calo è stato più importante nell'Africa orientale e in Sudafrica, dove vive oltre il 50% delle persone sieropositive. In queste aree, è stata registrata una diminuzione del 38% rispetto al 2010.

A livello mondiale, i decessi causati dall'Aids sono stati 690'000. Dieci anni prima erano ancora 1,1 milioni.

In Svizzera vivono circa 16'700 persone sieropositive.

Fine della finestrella

tvsvizzera.it/mar con RSI (TG dell'1.12.2020)

Parole chiave