Navigation

Catastrofi e cambiamenti climatici nelle Alpi studiati a Davos

Paesaggio delle Alpi Glaronesi con la vetta del Pizol. Keystone / Gian Ehrenzeller

Creato a Davos un centro di ricerca per approfondire le conseguenze del riscaldamento globale nelle regioni alpine.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 giugno 2021 - 17:08
tvsvizzera/spal

I cambiamenti climatici - proprio oggi è la giornata mondiale dell'ambiente - sono l'argomento più pressante da alcuni anni a questa parte, di cui si è parlato meno recentemente sola a causa della pandemia gobale.

In proposito a Davos è sorto un centro di ricerca, promosso dal Cantone Grigioni, dall'Istituto federale di ricerca per a foresta, la neve e il paesaggio (Wsl) e il Politecnico di Zurigo (Eth) che si occupa di questa tematica, con un focus particolare sulle regioni alpine che, analogamente a quelle artiche, sono destinate a subire i maggiori contraccolpi dall'evoluzione climatica in corso.

In queste zone il riscaldamento è doppio rispetto alla media globale con conseguente intensificazione degli eventi meteorologici estremi: alluvioni, colate detritiche e frane, lunghi periodi di siccità. Lo dimostra la frana di Bondo, in Bregaglia dell'agosto 2017.

Il Centro cambiamenti climatici e catastrofi naturali studia i fenomeni fisici in atto (accelerazione del disgelo del permafrost e dell'instabilità idrogeologica) ma anche le conseguenze di ordine sociale ed economico.

In questo senso l'obiettivo studiosi è quello di individuare i criteri per una gestione efficace dei pericoli naturali e consentire alle persone delle regioni alpine di vivere e svolgere attività economiche in modo sostenibile. Nel servizio del TG una fotografia dell'istituto di ricerca di Davos.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.