Navigation

La vita dei pesci in "lockdown"

Tornano ad avere compagnia i numerosi e variegati ospiti dell'acquario di Genova. Keystone / Nic Bothma

A pinguini e delfini dell'Acquario di Genova sono mancati i visitatori durante la pandemia ma c'è comunque chi ha provveduto alla cura delle 400 specie ospitate. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giugno 2021 - 09:05
rsinews/sdr

La legge italiana che regolava le chiusure in tempo di Covid-19 lo ha equiparato ad un museo ma qui, a differenza degli Uffizi o della Pinacoteca di Brera, vi sono custoditi esseri viventi: è l'acquario di Genova che, in circa 30 anni di vita, ha chiuso davvero poche volte.

I numeri di questa struttura fanno capire da soli quali siano i suoi costi (coperti in minima parte con i cosiddetti ristori italiani): 1 milione di visitatori l’anno dal 1992, 70 vasche espositive, 200 quelle di ambientamento e cura, 12’000 gli animali ospitati per oltre 400 specie.

Ben 27 tonnellate è la quantità di cibo consumata in un anno dagli animali, 835 Kg di verdura fresca viene consumata solo dai lamantini ogni settimana. Il numero sul quale ruota tutto ciò è 250: queste sono le persone che lavorano nella struttura ligure, di cui 45 dedicati alla cura, alla gestione e al benessere degli animali.

Il loro sacrificio in questo anno senza visitatori ha significato “vita” per tutti questi animali a cui sono mancata molto le visita e l’interazione con l’uomo.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.