La televisione svizzera per l’Italia

Gatto Arturo è sempre con noi

gatto arturo tra i rami di un albero
Ha segnato l'infanzia di generazioni di telespettatori e telespettatrici della RSI (allora TSI). RSI-SWI

Il mitico micio "a strisce" debuttò nel 1973 e divenne popolarissimo, anche fuori dai confini svizzeri. Le sue avventure, sempre irresistibili, si trovano sul sito RSI, nella sezione "Rivediamoli".

Il cinquantesimo compleanno è un momento importante, uno di quelli da festeggiare. Cinquant’anni fa i piccoli telespettatori facevano la conoscenza del Gatto Arturo. E che gatto. Uno che girava in monopattino, vestito a strisce. Un personaggio della RSI divenuto popolarissimo negli anni ’70, non solo in Svizzera. All’epoca, infatti, quella che ai tempi si chiamava TSI, beneficiava di un pubblico particolarmente vasto, anche al di fuori dei confini nazionali.

Potete cliccare su questo linkCollegamento esterno per rivedere le puntate del Gatto Arturo. 

Contenuto esterno

L’irresistibile gatto è un mito, che ha regalato parecchi sorrisi e risate. Ma Arturo è qualcosa di più, un pezzo di storia della RSI. La sua nascita la dobbiamo a un team creativo eccezionale: la conduttrice Adriana Parola, il marito regista Fausto Sassi, e l’artista e scenografo Fredi Schafroth. Proprio Fredi, dalla fine degli anni ’70, è autore e animatore di sigle e disegni di programmi per i più piccoli, come “Lavoricchio”, presentato da Adriana. È in seguito a quell’esperienza che Arturo fa la sua comparsa. Un’altra famosa creazione del trio Parola-Schafroth-Sassi è il cane Peo, ancora oggi nei programmi RSI.

All’inizio Arturo sarebbe dovuto essere un pappagallo

L’idea innovativa di Fredi Schafroth è stata quella di creare un personaggio che potesse spostarsi e interagire con l’ambiente circostante, diversamente da come succedeva nei classici programmi per bambini fino a quel momento. Partecipando a un concorso, lo scenografo aveva inizialmente pensato di proporre un pappagallo, estroverso e colorato. Ma poco prima di presentare il progetto, cambiò idea: un gatto silenzioso, discreto ma curioso, poteva essere il personaggio ideale per divertire i più piccoli. Il modo stesso in cui era stato concepito Gatto Arturo permetteva ai bambini d’immedesimarsi in lui, quando si cimentava in attività improbabili e “combinava casini”. Parte del divertimento veniva proprio da questo.

Il debutto del Gatto Arturo

Arturo debutta nel gennaio 1973 nella trasmissione “Ghirigoro”, ancora in bianco e nero. Il successo è immediato, cresce ancora di più con la seconda stagione del programma e l’arrivo del colore in televisione. Arturo, senza volerlo, diventa testimonial di questa svolta. Il micione poco a poco conquista uno spazio sempre maggiore… Fredi non avrebbe mai immaginato che, oltre ad averlo ideato, sarebbe stato lui stesso a interpretarlo.

Contenuto esterno

Le avventure del Gatto Arturo, però, non mettono solo in luce un simpatico pasticcione, perché attraverso di lui, col divertimento, i bambini scoprono anche attività sportive, quelle della vita quotidiana e i mestieri. Dei circa 100 filmati di Arturo degli archiviCollegamento esterno, uno dei più memorabili è un numero con gli artisti del circo Knie.

Un modo di fare televisione irripetibile, con ritmi diversi rispetto ad ora, ma ancora oggi, rivedendo Arturo in azione, è impossibile non essere riconquistati dalla sua simpatia

Nel dicembre 1979 il Gatto Arturo si congeda dal pubblico, al quale viene semplicemente detto che parte per l’America, accompagnato da Adriana. In seguito le avventure verranno replicate con un nuovo montaggio e l’aggiunta di alcune nuovissime scene, ma dagli anni ’80 in poi Adriana, Fredi e Fausto saranno soprattutto all’origine di altri programmi storici come “La bottega del signor Pietro”, “Peripicchioli” e appunto “Peo”.

Oggi il costume originale di Arturo si trova al Museo della comunicazione di Berna.

Attualità

bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR