Navigation

Gastronomia e fitness reagiscono alla proposta del Governo

Scena immortalata in un bar francese, dove l'obbligo vige già. Keystone / Christophe Petit Tesson

Il Consiglio federale prepara il terreno per ampliare l'uso del certificato Covid agli interni di bar, ristoranti, teatri, piscine, eccetera. Ma cosa ne pensano gli interessati? 

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 agosto 2021 - 20:55
tvsvizzera.it/MaMi

Se dovesse essere applicata, l'estensione dell'obbligo del certificato, sottoposta dal Governo federale all'attenzione dei Cantoni, significherebbe lavoro e costi supplementari per ristoratori, esercenti, gestori di sale, musei e palestre. E, se per il capo del Dipartimento della Sanità pubblica, Alain Berset, si tratta attualmente dell'unica soluzione, come ha detto oggi in conferenza stampa, allo stesso tempo, chi è del settore non la vede alla stessa maniera. Il servizio del TG di oggi:

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.