Navigation

Fu così che la vigna salì in altura

Contenuto esterno

Vendemmie in anticipo e vino più alcolico. Il clima minaccia l'uva. Per salvarla, nelle Alpi, si sperimenta l'elevazione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 agosto 2021 - 08:15
Gilberto Mastromatteo, RSI News

Portare l'uva in quota, a mille metri, per ritardare la vendemmia. E per salvare il vino. Solo vent'anni fa sarebbe stata una follia, per i viticoltori. Troppo freddo, l'uva non sarebbe maturata. Oggi non è più così. Il fenomeno è ormai sempre più frequente sulle Langhe piemontesi, terre di Barolo, o ai piedi degli Appennini. Ma anche nella valle del Duero, in Portogallo, patria del Porto.

In Trentino, l'azienda Pojer e SandriLink esterno fu tra le prime ad accorgersi degli effetti del clima sull'uva. Vendemmie in perenne anticipo. Grappoli raccolti al caldo torrido invece che nel fresco dell'autunno. Già nel 1991 si convinsero ad utilizzare una cella frigo. Negli anni '80 brevettarono una macchina per estrarre acqua dal mosto e strappare un grado in più al vino. Oggi quello strumento non si usa più. Il problema è opposto: l'uva matura troppo e il vino è più alcolico.

Così Pojer e Sandri hanno portato le proprie vigne di Pinot Nero dai 350 metri di quota ai 650. Lo stesso faranno con il Pinot Meunier. Mentre la varietà tedesca Solaris è stata piantata nientemeno che a 950 metri di altitudine, nell'Alta Val di CembraLink esterno. Una quota destinata a salire. E presto.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.