Navigation

I ticinesi non dovranno più testarsi per andare in Italia

L'Italia ha da poco tolto l'obbligo di quarantena, ora potrebbe fare un ulteriore passo avanti.

Dopo l'abrogazione dell'obbligo di sottomettersi a quarantena obbligatoria in entrata nel Paese, l'Italia si muove ora per togliere anche l'imposizione di presentare un test negativo al coronavirus, almeno per la popolazione a ridosso della frontiera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 giugno 2021 - 18:13

«I cittadini svizzeri, residenti entro i 60 chilometri dal confine, potranno venire in Italia senza doversi sottoporre al tampone. È un risultato al quale ho lavorato molto e che finalmente dà il giusto respiro all’economia di frontiera. Ringrazio il Ministro della salute per la collaborazione dimostrata». A scriverlo è stato oggi il senatore della Repubblica varesino Alessandro Alfieri (Partito Democratico) su Facebook. Doveroso è però fare una precisazione rispetto a quanto scritto dal senatore: ossia i 60 chilometri, è stato chiarito in seguito, sono da calcolarsi partendo dal proprio luogo di residenza e non dal confine. 

Contenuto esterno

Esentati dall'obbligo di test saranno quindi i cittadini residenti nella zona di frontiera, a patto che entrino in Italia per non più di 24 ore. Per le vacanze, la misura rimane invece in vigore. Per ora non è tuttavia ancora chiaro da quando verrà effettivamente abrogato l'attuale obbligo di sottoporsi ad un test PCR oppure antigenico all'entrata in Italia: l'ordinanza cita però i tempi tecnici necessari per aggiornare il personale interessato, quindi si presume servano pochi giorni.

Il modulo di localizzazione resta

Per recarsi in Italia, continuerà invece ad essere necessaria la compilazione del formulario di localizzazione, ossia il cosiddetto «Passenger Locator Form»Link esterno, disponibile sul sito del ministero italiano della Salute. Alfieri, lo ricordiamo, insieme ad altri senatori, ha fatto pressioni al Governo di Roma e al ministro della Salute Roberto Speranza affinché venissero previste deroghe per i cittadini della fascia di confine, così come accade già in Francia.

Contenuto esterno

Tvsvizzera.it/Ma.Mi. con RSI (Telegiornale del 02.06.2021)


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.