Navigation

Il primo partito di Francia con un pugno di mosche

Il "primo partito di Francia", come amava definirsi il Front National, perde l'Eliseo, crolla alle legislative e resta con un pugno di mosche e spaccato al suo interno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2017 - 20:04
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Finito in una spirale negativa dalla sera del duello televisivo, in cui Marine Le Pen candidata alle presidenziali fu ridicolizzata da Emmanuel Macron, il FN non è riuscito neppure nel traguardo di portare 15 deputati in Assemblée Nationale, il minimo per poter formare un gruppo parlamentare. Il segretario Nicolas Bay è stato eliminato al primo turno, il Front rischia ancora una volta l'emarginazione politica. Ma quel che è peggio, il movimento sembra ormai irrimediabilmente dilaniato al suo interno.

Finora il pugno duro di Marine - stanca ma irriducibile - ha tenuto a bada il malessere. Ma dopo anni di battaglia con il padre e fondatore del partito Jean-Marie, un'incompatibilità evidente con la nipote Marion - che si è ritirata temporaneamente dalla politica - vive adesso da separata in casa con Florian Philippot, numero 2 e "stratega" del partito. 

Marine Le Pen, isolata, resiste

È quindi Marine che appare ora isolata, e può resistere soltanto vincendo il ballottaggio domenica prossima nella sua circoscrizione. L'obiettivo è alla sua portata, dopo aver ottenuto il 45% ieri contro il 20% della principale rivale, Anne Roquet, di En Marche!. Sarebbe una vittoria personale e simbolica, contro la rappresentante del partito di Emmanuel Macron.

L'obiettivo dell'uscita dall'euro - che Marine Le Pen vorrebbe abbandonare per manifesta impopolarità presso i francesi - resta una priorità per molti nel partito, compreso Philippot. Questi ed altri temi, come l'alleanza con i sovranisti di Nicolas Dupont-Aignan (che avrebbe dovuto diventare il 'suo' primo ministro), sono i nodi da sciogliere in un prossimo futuro che si annuncia caldissimo nel partito.

L'impatto del successo di En Marche sull'Assemblea nazionale


Contenuto esterno




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.