Navigation

Il mea culpa di Macron per il genocidio in Ruanda

Contenuto esterno

In visita a Kigali, il presidente francese ha ammesso le responsabilità del suo Paese per il genocidio che nel 1994 ha sconvolto il Ruanda.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 maggio 2021 - 21:36
tvsvizzera.it/mar

Vengo qui a riconoscere le nostre responsabilità sul genocidio del 1994 in Ruanda. La Francia ha fatto prevalere per troppo tempo il silenzio sull'esame della verità", ha detto il presidente francese Emmanuel Macron in un discorso di una ventina di minuti al Memoriale del Genocidio a Kigali.

Il viaggio di Macron in Ruanda punta ad essere la "tappa finale della normalizzazione delle relazioni" con la Francia, dopo oltre 25 anni di tensioni legate al ruolo svolto da Parigi in questa immane tragedia. L'Eliseo sostenne concretamente il Governo a guida hutu.

"Questo percorso di riconoscimento, attraverso i nostri debiti, i nostri doni, ci offre la speranza di uscire da questa notte e di camminare nuovamente insieme. Su questo cammino - ha proseguito Macron - solo coloro che hanno attraversato la notte possono, forse, perdonare, farci il dono di perdonarci".

Al Memoriale di Kigali, sono seppelliti i resti di oltre 250'000 delle circa 800'000 vittime del genocidio, essenzialmente Tutsi.

In precedenza, Macron ha visitato il Museo della memoria, con cartelli pedagogici, video e testimonianze, ma anche vetrine con crani, ossa e abiti stracciati, deponendo una corona di fiori.



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.