Navigation

Fonti rinnovabili, Berna vuole sostenere la produzione locale

Impianto di produzione di biogas a Ibach (Svitto). © Keystone / Gaetan Bally

La Confederazione cerca di voltare pagina in ambito energetico rafforzando il sostegno alle fonti rinnovabili.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2022 - 13:42
tvsvizzera.it/spal on Keystone-ATS

Una questione che è tornata d'attualità con il conflitto in corso in Ucraina che ha reso ancora più evidenti le criticità dovute alla dipendenza dall'estero.

L'ordinanzaLink esterno del governo federale appena messa in consultazione - al riguardo le Camere federali avevano adottato un pacchetto nella scorsa sessione autunnale - prevede tutta una serie di incentivi e agevolazioni che, tra le altre cose, prevedono contributi di investimento per gli impianti eolici e geotermici.

Le misure nel dettaglio

Questo tipo di sostegni viene esteso per la produzione idroelettrica e da biomassa mentre gli impianti fotovoltaici, senza consumo proprio, in futuro beneficeranno di rimunerazioni uniche più elevate, che potranno arrivare fino al 60 % dei costi di investimento.

Sarà anche introdotto un bonus invernale per gli impianti fotovoltaici. Da sottolineare il fatto che per il ramo delle biomasse viene introdotto un nuovo incentivo, vale a dire il contributo ai costi d'esercizio.

I contributi d'investimento degli impianti di produzione di biogas che impiegano biomassa agricola saranno pari al 60% dei costi d'investimento computabili. Per le centrali elettriche a legna e gli altri impianti di produzione sarà del 40%, per gli impianti del settore pubblico, per i forni per l'incenerimento di fanghi e gli impianti a gas di discarica, del 20%.

Contenuto esterno

Mozione a favore del biogas indigeno

Ma in questo ambito è stata anche depositata alcuni giorni fa una mozione, sostenuta trasversalmente da tutti i partiti, che propone sostegni concreti ai produttori di biogas che immettono energia in rete.

Secondo gli esperti il biometano è molto più efficiente, avendo una resa doppia rispetto all'elettricità prodotta con il gas tradizionale. E secondo i loro calcoli potrebbe da solo sostituire quasi la metà del metano importato dalla Russia, che in Svizzera copre il 50% del totale.

Ma attualmente i costi di produzione sono troppo elevati e, senza sovvenzioni pubbliche, i prezzi non sono competitivi nei confronti del gas importato. Inoltre nelle zone agricole, dove dovrebbero sorgere questi piccoli impianti, il regime autorizzativo scoraggia i potenziali investitori.

Ma la mozione promossa dalla lucernese Priska Wismer (Alleanza di centro) promette di rimuovere molti di questi ostacoli, garantendo soprattutto un aiuto concreto dallo Stato.   

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?