Navigation

Cestisti e tennisti al buio (o quasi)

Contenuto esterno


Una coppia di amici ha aperto a Ginevra una palestra diversa da tutte le altre: pallacanestro, minitennis e ping-pong vi si giocano al buio, o quasi. Perché? Il reportage del Telegiornale della Radiotelevisione svizzera RSI.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2017 - 13:00
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 19.06.2017)

‘Fluosports’ si trova al primo piano interrato di un palazzo di uffici. Chi viene qui lo fa per gli stessi motivi per cui si va in una normale palestra -tenersi in forma, divertirsi, allenarsi in una disciplina- ma con un’attrattiva (e una difficoltà) in più.

Gli spazi sono illuminati dalla sola luce ultravioletta, così che al buio si vedano solo i limiti del campo, le reti e le palline, il canestro e il pallone. I giocatori indossano polsini e fasce (ma anche trucchi) opportunamente fluorescenti.

“L’idea ci è venuta quando arrivava sera e sulla spiaggia non si poteva più giocare”, racconta David Querol, cofondatore di Fluosports. “Perché non usare la fluorescenza per continuare?”.

Un modo di praticare sport che richiede più attenzione del normale e molta concentrazione per evitare sorprese. Ma anche divertente e spettacolare. Tanto che in palestra si organizzano pure feste di compleanno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.