Festività e pandemia Un Natale in toni minori per le città ticinesi

albero di natale

Lugano e le altre città ticinesi avranno il loro tradizionale albero, ma le festività quest'anno saranno forzatamente ridotte.

Keystone / Karl Mathis

Per forza di cose, molti dei consueti eventi natalizi organizzati nelle città ticinesi sono stati cancellati. Quest'anno si punta sull'atmosfera.

Niente piste di ghiaccio temporanee nelle piazze delle città e soprattutto niente mercatini di Natale a Locarno e Bellinzona. In tempo di coronavirus, le festività di fine anno saranno senz'altro diverse un po' dappertutto, anche se in Ticino per il momento negozi, bar e ristoranti restano aperti.

Le tre più grandi città ticinesi puntano così soprattutto sull'arredo urbano, con alberi anche laddove non c'erano mai stati, con le illuminazioni e così via.

Lugano è la sola delle tre a non rinunciare al tradizionale mercatino, con una cinquantina di casette nel cuore della città. Sempre a Lugano, il Parco Ciani sarà trasformato in un bosco incantato, con luminari e addobbi natalizi.

tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 16.11.2020)

Parole chiave