Farmaco autorizzato Vaccinazioni contro il coronavirus presto al via nel Regno Unito

mano tiene un flacone

Il BNT162b2 sarà disponibile in Gran Bretagna da settimana prossima.

Keystone / Biontech Se / Handout

Il vaccino contro la Covid-19 prodotto dalla Pfizer e dalla BioNTech sarà disponibile nel Regno Unito dalla settimana prossima, ha indicato mercoledì il Governo britannico.

L'annuncio è stato fatto dopo il via libera della MHRA, l'autorità competente in materia di regolamentazione dei farmaci. Il "Regno Unito è il primo paese al mondo ad avere un vaccino approvato clinicamente", ha dichiarato su twitter il ministro della sanità Matt Hancock.

Il nullaosta della MHRA "fa seguito a mesi di rigorosi test clinici e a un'analisi approfondita dei dati da parte degli esperti dell'ente, i quali hanno concluso che il vaccino soddisfa i rigorosi standard di sicurezza, qualità ed efficacia", ha detto il portavoce del ministero.

Il vaccino prodotto dalla multinazionale statunitense Pfizer e dall'azienda tedesca BioNTech ha mostrato un'efficacia del 95%.

Perché Londra ha proceduto in modo così rapido? Il commento da Londra di Lorenzo Amuso.

Il Regno Unito ha ordinato un totale di 40 milioni di dosi di vaccino per il 2020 e il 2021, sufficienti per vaccinare 20 milioni di persone (ognuno riceve due dosi).

Il servizio sanitario pubblico, il NHS, "è pronto a iniziare le vaccinazioni all'inizio della prossima settimana", ha dichiarato Matt Hancock. Ad avere la priorità sono i residenti delle case di riposo, il personale di cura e più in generale gli anziani e le persone a rischio.

L'annuncio fatto da Londra arriva nel momento in cui il paese esce da quattro settimane di confinamento, sostituito da restrizioni severe imposte a livello regionale.

Nel Regno Unito circa 58'500 persone hanno perso la vita a causa del coronavirus; i casi positivi sono stati finora più di 1,6 milioni.

Il parere di Alessandro Ceschi, primario dell'Istituto farmacologico dell'Ente ospedaliero cantonale ticinese:

tvsvizzera.it/mar/ats con RSI (Tg del 2.12.2020)

Parole chiave