Navigation

Famiglia presa in ostaggio durante una rapina nel Giura

Il valico doganale di Lucelle forzato mercoledì sera dalla banda fuggita in Francia. Keystone / Martin Ruetschi

Sei malviventi hanno preso in ostaggio a scopo di rapina un'intera famiglia in un piccolo comune del Canton Giura e si sono dati alla fuga in Francia forzando un valico doganale e ferendo una guardia di confine.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2021 - 21:07
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

I criminali si sono introdotti mercoledì sera nell'abitazione del direttore di un'impresa orologiera nel villaggio di Bassecourt e hanno costretto l'uomo e la sua famiglia, sotto la minaccia di armi da fuoco, a recarsi nella sede della società della vittima.

La banda si è quindi diretta nei locali in cui sono custodite le materie preziose, in articolare l'oro, con cui vengono fabbricati gli orologi più pregiati. Durante la razzia gli ostaggi sono stati segregati all'interno di un'auto nel parcheggio della società.

Contenuto esterno

Dopo essersi impossessati deI bottino i rapinatori si sono dileguati con le vittime su tre auto. Il direttore e i suoi familiari sono poi stati abbandonati - incolumi ma in stato di choc - con la loro auto in un bosco nei pressi di Bourrignon, vicino al confine con il dipartimento francese dell'Alto Reno.

È immediatamente scattato un imponente dispositivo di sicurezza da parte della polizia cantonale e delle dogane svizzere ma le due auto occupate dagli autori del colpo hanno forzato la barriera posta al valico di Lucelle e aggredito una guardia di confine, ferendola alle gambe. Le carcasse delle due vetture completamente bruciate sono state rinvenute nella regione di Belfort, così come una mitraglietta Heckler & Koch del tipo MP-5, secondo quanto riferisce Le Matin.

Non è ancora chiaro il valore del bottino che i banditi sono riusciti a prelevare dalla fabbrica. Il Giura svizzero è una delle principali regioni di produzione orologiera e le materie pregiate con cui vengono confezionati i modelli più ricercati fanno di questi laboratori un obiettivo privilegiato per i ladri.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.