Navigation

Fa proseliti l'imposta minima globale per le multinazionali

I partecipanti al G7 di questo mese nel Regno Unito in cui è stata approvata la minimum tax globale. 2021 Getty Images

Incassa vaste adesioni la proposta - avanzata dagli USA e discussa al G7 di inizio giugno - di introdurre una tassazione minima globale ("minimum tax") per le grandi società che operano su scala mondiale. Per queste ultime sarà più difficile eludere il fisco nei paesi dove conseguono i loro utili.  

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 luglio 2021 - 22:13
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

Sono 139 i paesi, fra i quali anche la Svizzera, che sono giunti ad un accordo per una riforma della tassazione delle multinazionali. L'intesa in questione verte sull'introduzione di un'imposta minima sugli utili "di almeno il 15%", ha reso noto giovedì l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Un piccolo gruppo di Stati, fra i quali l'Irlanda e l'Ungheria, non hanno tuttavia sottoscritto la dichiarazione concordata in questo senso.

Tale dichiarazione, che si basa sull'intesa in materia già raggiunta al G7 a inizio giugno, prevede anche di ripartire gli utili in maniera "più equa", fra gli Stati dove hanno sede le imprese e quelli nei quali realizzano effettivamente le loro attività.

"Dopo anni di lavori e intense trattative, questo pacchetto di misure storiche garantirà che le grandi imprese multinazionali paghino la loro giusta parte di imposte ovunque nel mondo", ha dichiarato il segretario generale dell'OCSE Mathias Cormann.

Per parte sua la Confederazione ha aderito all'accordo, ma mantenendo "grandi reticenze" e ponendo proprie condizioni, come indica in una nota il Dipartimento federale delle finanze (DFF). Gli interessi dei piccoli paesi innovatori devono essere esplicitamente considerati nella formulazione finale delle regole, si legge nel comunicato.

Inoltre i paesi interessati dovranno applicare le nuove regole in modo uniforme e, per quanto concerne la minimum tax, la soluzione adottata dovrà risultare equilibrata sul piano del tasso d'imposizione e della base imponibile.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.