La televisione svizzera per l’Italia

F-35: non si voterà prima della scadenza dell’offerta d’acquisto

caccia in volo
Il popolo non potrà votare prima del 31 marzo 2023. Keystone / Giuseppe Lami

L'iniziativa popolare "Contro gli F-35 (Stop F-35)" non potrà essere sottoposta al popolo prima della scadenza dell'offerta d'acquisto dei caccia, il 31 marzo 2023. Lo ha fatto sapere mercoledì il Consiglio federale.

Il popolo elvetico non si esprimerà sull’iniziativa contro l’acquisto degli aerei da combattimento F-35 prima del 31 marzo 2023, ossia la data di scadenza dell’offerta d’acquisto dei caccia di produzione americana.

Gli iniziativisti, che hanno consegnato pochi giorni fa a Berna le firme necessarie per lanciare il referendum, avevano stilato un calendario che avrebbe dovuto permettere un voto popolare entro il 12 marzo dell’anno prossimo. Per rispettare un tale calendario, il Consiglio federale avrebbe dovuto licenziare il messaggio sull’iniziativa già nei prossimi giorni, in modo da permettere al Parlamento di occuparsene durante la sessione di settembre. Una tabella di marcia che, per Berna, “non può essere rispettata”, si legge in una nota diffusa oggi.

Contenuto esterno

La ragione? Prima di licenziare il messaggio, il Governo deve attendere che il Parlamento concluda i dibattiti, ancora in corso, in merito al credito d’impegno per l’acquisto dei nuovi aerei da combattimento nel quadro del messaggio sull’esercito 2022.

“Le regole del gioco nella gestione delle iniziative popolari sono note e pubblicamente legittimate”, scrive l’Esecutivo. Nel caso specifico, inoltre, un ritardo avrebbe gravi conseguenze per la Svizzera su piano della politica di sicurezza.

Il Consiglio federale ha comunque assicurato che il Dipartimento della difesa (DDPS) “elaborerà un messaggio nel più breve tempo possibile, ma con la dovuta accuratezza” e questo sarà trasmesso al Parlamento entro la sessione invernale.

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR