Navigation

Expo Milano, il governo ticinese chiede aiuto all'economia

Possibile via d'uscita all'ostacolo costituito dal referendum della Lega

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2014 - 21:01

Nelle ultime ore si sta delineando una possibile via d'uscita alla complicata questione del finanziamento della partecipazione ticinese all'Expo di Milano. Dopo il lancio del referendum da parte della Lega contro il credito di 3,5 milioni stanziato dal Gran Consiglio e la parziale marcia indietro del Governo cantonale sul contributo ridotto di 1,7 milioni spalmato su due anni (viste le implicazioni di ordine politico e legale insite nella proposta) si è affacciata la concreta possibilità di un intervento sussidiario di investitori privati. In proposito il Consiglio di Stato avrebbe già interpellato le associazioni economiche, che attraverso i loro membri, sarebbero chiamate a sostenere la presenza ticinese nel Padiglione svizzero. Nel giro di una settimana dovrebbe esserci una schiarita in proposito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.