Navigation

Expo "nutre" Eataly

La società di Oscar Farinetti ha ottenuto una concessione di spazi complessivi di 8mila metri quadri dati senza regolare gara d'appalto

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 aprile 2015 - 16:17

Il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone ha inviato una lettera al commissario unico di Expo Giuseppe Sala contestando che vi sono anomalie nel contratto pubblico riguardante le concessioni di due padiglioni alla società Eataly di Oscar Farinetti. Lo riporta il Fatto Quotidiano in prima pagina, precisando che Cantone il 7 aprile ha chiesto a Sala nuova documentazione circa le concessioni, che sarebbero state assegnate senza regolare gara d'appalto.

Eataly a Expo avrà in gestione due spazi per complessivi 8mila metri quadri, per organizzare 20 ristoranti. Prevede di distribuire più di due milioni di pasti. Prevede anche - riporta sempre il Fatto Quotidiano - di dividere gli spazi in 20 aree regionali con il coinvolgimento di un centinaio di ristoratori.

E noi siamo andati a trovare Gianni Barbacetto e Marco Maroni , giornalisti de Il Fatto Quotidiano e autori del libro " Excelsior, il gran ballo dell'Expo".

Ci hanno fatto il punto sulla situazione della ristorazione all'interno dell'Expo e perché anche il Patron di Eataly Oscar Farinetti titolare di uno dei grandi appalti è stato sottoposto a chiarimenti dal presidente dell'autorità anticorruzzione italiana Raffaele Cantone.

Il servizio è di Antonio Pacor

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.