Navigation

Paolo di Paolo, il "fotografo ritrovato" in mostra a Milano

Paolo di Paolo ha immortalato l'Italia degli anni '60. RSI-SWI

Oggi 95enne, il fotografo Paolo di Paolo aveva appeso al chiodo la macchina fotografica nel 1966. I suoi scatti, molti dei quali ritrovati per caso dalla figlia, sono ora esposti in due mostre a Milano. Intervista.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 maggio 2021 - 21:00

Era il 1959 quando a Di Paolo e (un allora non famosissimo) Pier Paolo Pasolini venne affidato il compito di realizzare un servizio sulle vacanze degli italiani. Ne nascerà "La lunga strada di sabbia", ora in mostra presso la Fondazione Sozzani a Milano. Un progetto che rappresenta solo una minima parte del lavoro del fotografo molisano. Un lavoro che era rimasto dimenticato per decenni.

L'immenso archivio fotografico di Di Paolo, che ha collaborato per diverse testate, era ordinato e abbandonato in cantina finché non fu ritrovato dalla figlia, che incontriamo assieme al padre in questa intervista della Radiotelevisione Svizzera.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 15.05.2021)


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.