La televisione svizzera per l’Italia

Esercito obbligatorio anche per le donne? Il Governo svizzero ci riflette

donna militare saluta la bandiera svizzera
Attualmente le donne nell'esercito svizzero sono quasi 1'800, pari a circa l'1,4% dell'effettivo totale. © Keystone / Christian Beutler

L'obbligo di prestare servizio potrebbe essere esteso anche alle donne: è una delle piste valutate dal Consiglio federale per compensare il calo di reclute che si profila all'orizzonte.

La Svizzera seguirà l’esempio svedese o norvegese, che in questi ultimi anni hanno introdotto il servizio militare obbligatorio anche per le donne? Per avere una risposta bisognerà ancora aspettare alcuni anni, ma in ogni caso l’idea è nell’aria.

Secondo il censimento dell’esercito 2022, pubblicato giovedì, l’effettivo delle forze armate svizzere ammonta 151’299 militari, più dei 140’000 richiesti. Tuttavia, secondo le previsioni a partire dal 2030 il numero di soldati si ridurrà in modo piuttosto sostanziale, a causa soprattutto delle numerose partenze anticipate, e “l’effettivo reale necessario non verrà più raggiunto”, si legge nel comunicatoCollegamento esterno.

Ogni anno circa 10’000-11’000 persone soggette all’obbligo di prestare servizio lasciano prima del loro proscioglimento ordinario. Nel 2021 circa il 60% di queste partenze era dovuto al passaggio al servizio civile, seguito da quelle per motivi medici (circa il 30%).

Per compensare il calo di militari, il Governo elvetico vuole esaminare entro il 2024 diverse soluzioni, tra cui appunto l’estensione dell’obbligo di prestare servizio alle donne.

Inoltre – si legge nel comunicato – “si prevede di rendere obbligatoria la partecipazione alla giornata informativa per le cittadine svizzere”. Questa giornata, in cui vengono presentate tutte le possibilità per chi deve prestare servizio militare o civile, è già obbligatoria per i maschi.

Quasi 1’800 militari donne

Dal 1939, quando è stato instaurato il Servizio complementare femminileCollegamento esterno, le donne possono entrare a far parte dell’esercito. Dalla fine degli anni ’90 del secolo scorso hanno il diritto di accedere anche a quelle funzioni riservate sino ad allora agli uomini.

Da anni le forze armate svizzere si sforzano di attirare più reclute di sesso femminile. Un impegno che sembra pian piano pagare. Nel 2022 le militari erano 1’778, 278 in più rispetto all’anno precedente e quasi il doppio rispetto a cinque anni prima.

Per saperne di più su come funziona il servizio di leva in Svizzera potete consultare questo approfondimento:

Altri sviluppi

Altri sviluppi

In Svizzera, ogni cittadino è un soldato

Questo contenuto è stato pubblicato al Sin dal 1674 – anno della prima dichiarazione ufficiale di neutralità della Confederazione – la Svizzera in politica estera si è mantenuta neutrale. Ma questa “neutralità” non ha mai messo in discussione l’esistenza di un esercito elvetico. Anzi. In un momento storico dove la maggior parte degli stati opta per un esercito di professionisti, la…

Di più In Svizzera, ogni cittadino è un soldato

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR