Navigation

Rimborsi e candidati scomodi, momento delicato per il M5S

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2018 - 21:42
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 15.2.2018)

In Italia il Movimento 5 Stelle si trova invischiato in questi giorni nella polemica sui rimborsi e sui candidati “impresentabili” ma per il momento non sembra pagare, almeno nei sondaggi, questi presunti passi falsi. 

Sono infatti saliti a tre i candidati grillini iscritti alla loggia Grande Oriente. Per tutti loro, ha sentenziato il leader Luigi Di Maio, si prospetta l’espulsione.

Ma a preoccupare di più i vertici pentastellati è la questione bonifici. Secondo le ultime indiscrezioni di stampa (in particolare la trasmissione Le Iene di Italia Uno) sarebbero 14 i parlamentari che non avrebbero versato, come promesso e indicato negli statuti interni, parte delle loro indennità al fondo destinato alle piccole e medie imprese e non 8, come si era affrettato ieri a riconoscere il candidato premier.

Intanto da un’indagine demoscopica pubblicata dal Corriere della Sera la partita del 4 marzo potrebbe essere decisa da 35 collegi uninominali contesi tra centro-destra e M5S. Se Fi, Lega e FdI riusciranno a strapparli al movimento fondato di Beppe Grillo, potrebbero ottenere la maggioranza per governare.

Su questi argomenti l’opinione dell’editorialista del quotidiano milanese Massimo Franco al TG della RSI.   

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.