Effetti del Covid-19 Senza gli stranieri il turismo svizzero balbetta

Di Samuel Jaberg , Pauline Turuban

L'anno scorso più di un milione di persone ha visitato la Jungfraujoch, destinazione di punta delle Alpi bernesi. In assenza della clientela asiatica le presenze crolleranno quest'anno.

© Keystone / Anthony Anex

Colpiti dalla crisi del coronavirus, quest'estate gli operatori turistici svizzeri si distinguono per le loro iniziative originali con cui cercano di attirare i clienti locali. Ma questo non basterà a compensare l'assenza di turisti stranieri. Un ritorno alla normalità non è previsto per diversi anni.

Turisti giapponesi intenti a farsi "selfie" sullo Jungfraujoch (3581 m); famiglie indiane sui treni panoramici Montreux-Bernese dell'Oberland; scalatori nordamericani che trasportano corde e chiodi per le strade di Zermatt; gruppi di turisti cinesi che scendono dai pullman davanti ai negozi di orologi sulla Schwanenplatz di Lucerna: sono scene che non si vedranno in Svizzera quest'estate.

Con la chiusura delle frontiere in tutto il mondo e l'interruzione di gran parte del traffico aereo, la crisi del coronavirus sta avendo un forte impatto sul turismo. Secondo l'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT), il numero di turisti internazionali potrebbe diminuire quest'anno del 60-80% a causa della pandemia. Si tratta di un declino che non si vedeva da quando sono iniziati i rilevamenti nel 1950.

>> Il turismo a pieno regime. L'approfondimento del Quotidiano della RSI:

Anche la Svizzera si aspetta un'estate molto cupa. L'apertura delle frontiere con gli Stati membri dell'Ue e il Regno Unito annunciata per il 15 giugno porterà un certo sollievo all'industria turistica, ma non basterà a salvare la stagione turistica.

"Gli effetti a breve termine sono già terribili", afferma Véronique Kanel, portavoce di Svizzera Turismo, l'agenzia svizzera di promozione turistica. E le previsioni per l'estate sono ancora molto prudenti, con tassi di occupazione del 24% nel settore alberghiero e del 42% nel settore parahotel".

Secondo uno studio della Scuola universitaria professionale del Vallese HES-SO, il turismo svizzero, che rappresenta il 2,9% del PIL nazionale, potrebbe perdere fino a 8,7 miliardi di franchi nel 2020, spingendo quasi un quarto delle aziende del settore verso il fallimento.

Molto toccate le città

Tuttavia, le regioni del paese non stanno vivendo la crisi allo stesso modo. Le città come Lucerna, Ginevra e Zurigo, già abbandonate in primavera dal turismo d'affari e congressuale, saranno particolarmente colpite. Secondo le previsioni del Centro di ricerca congiunturale (KOF), i pernottamenti in queste città dovrebbero diminuire di quasi il 50% quest'estate, rispetto al 20-30% delle regioni alpine.

Tradizionalmente le regioni alpine, a parte alcune destinazioni popolari come Interlaken o Zermatt, sono meno dipendenti dal turismo straniero rispetto ai centri urbani. La paura del virus e l'allontanamento sociale incoraggeranno anche molti svizzeri bloccati in patria a preferire i pascoli di montagna deserti ai centri urbani densamente popolati durante le vacanze estive.

In estate, ancor più che in inverno, la Svizzera è fortemente dipendente dagli ospiti internazionali, che rappresentano più della metà dei pernottamenti. E nonostante le numerose richieste delle autorità e delle parti interessate di viaggiare in loco, i clienti provenienti dalla Svizzera e dai Paesi limitrofi non potranno compensare l'assenza di viaggiatori provenienti da mercati lontani. "Anche se sono meno numerosi degli europei, questi turisti spendono di più per i loro viaggi in Svizzera", sottolinea Nicolas Délétroz, professore dell'Istituto del Turismo della Scuola universitaria professionale HES-SO del Vallese.

Non saranno solo gli alberghi, i ristoranti e gli impianti di risalita a soffrire dell'assenza di questi illustri ospiti. A Lucerna, i negozi di orologi generano quasi il 90% del loro fatturato da viaggi di gruppo, soprattutto dalla Cina.

L'acquisto di un orologio di lusso «Swiss Made» fa parte delle tappe obbligate per i gruppi di turisti cinesi in Svizzera, come in questo caso presso Carl F.Bucherer a Lucerna.

© Keystone / Alexandra Wey

A Ginevra, l'assenza dei turisti provenienti dal Medio Oriente si farà sentire negli alberghi di lusso e nelle boutique durante il mese di agosto, periodo particolarmente apprezzato da questa ricca clientela per recarsi sulle rive del Lago Lemano.

Impatto a medio termine

Gli esperti non prevedono il ritorno di turisti extraeuropei prima del 2021. E ci vorrà ancora tempo prima che il settore torni ai livelli del 2018. "Il turismo svizzero soffrirà a lungo degli effetti della pandemia di coronavirus. Se tutto va bene, è improbabile che si verifichi un ritorno alla normalità prima del 2023 o del 2024", dice Véronique Kanel.

Agli occhi di Nicolas Délétroz, sarà soprattutto il settore del trasporto aereo a dettare l'andamento e l'intensità della ripresa del turismo d'oltremare. "Non credo davvero in un cambiamento nel comportamento umano. D'altra parte, un netto aumento del prezzo dei biglietti aerei e cambiamenti nella frequenza dei collegamenti aerei potrebbero avere un'influenza decisiva sul turismo intercontinentale", afferma.

Già oggi assistiamo ad un aumento del turismo su scala continentale. "Questo è particolarmente vero nella regione dell'Asia-Pacifico. I giapponesi non vanno più necessariamente in Europa e negli Stati Uniti per recarsi in Europa", dice il professore universitario romando.

Tuttavia, la Svizzera sarà sempre in cima alla lista delle destinazioni lontane. "Si può ben immaginare che andare a fare una vacanza al mare dall'altra parte del mondo prima o poi diventerà obsoleto. Ma per molti turisti asiatici la Svizzera rimarrà sicuramente un Paese che bisogna aver visitato almeno una volta nella vita", dice Nicolas Délétroz.

Come sedurre i turisti svizzeri

Tessere per gli ospiti, pacchetti di alloggio, accesso gratuito alle attività del tempo libero, eccetera: gli addetti alla promozione turistica si stanno impegnando a fondo per attirare i visitatori svizzeri quest'estate. "Questo è il momento di attrarre i clienti locali offrendo loro un valore aggiunto di qualità", afferma Véronique Kanel di Svizzera Turismo.

Appartamenti originali, camper, campeggi e villaggi vacanze per famiglie sono particolarmente popolari. Contrariamente a quanto si crede, è perfettamente possibile trascorrere una vacanza in Svizzera senza dilapidare patrimoni, dice Svizzera Turismo.

Tuttavia, c'è ancora molta strada da fare per convincere la popolazione locale a trascorrere le vacanze estive in Svizzera con maggiore regolarità. "Per attirare gli ospiti svizzeri, le regioni di montagna dovranno lavorare di fantasia. Non possono semplicemente affidarsi alla bellezza del paesaggio", dice Nicolas Délétroz.

La crisi del coronavirus potrebbe essere l'occasione per dare finalmente impulso al turismo estivo e autunnale, che finora è stato in gran parte trascurato a scapito della stagione invernale e dell'industria sciistica. Ma perché questo accada, è necessaria una maggiore collaborazione tra gli attori del turismo di montagna. "Dobbiamo smettere di essere miopi, occorre offrire ai clienti una maggiore mobilità turistica secondo i loro interessi (ciclismo, escursionismo, termalismo, ecc.), concentrandoci su soggiorni più brevi", sostiene l'esperto vallesano.

Fine della finestrella