Navigation

Editoria digitale vs editoria cartacea

Bit contro Ink. A Torino questa opposizione è stata oggetto di un dibattito lungo tutta la durata del Salone del libro

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 maggio 2014 - 16:04

Da alcuni anni ormai l'editoria digitale sta prendendo piede anche in Italia. Sono sempre più numerosi gli editori che pubblicano libri unicamente sotto forma di e-book. Per ora le cifre sono ancora basse ma sicuramente in futuro l'editoria digitale troverà una sua collocazione all'interno del variegato mondo che ruota attorno al libro.

Al Salone Torino un'intera sezione è stata dedicata proprio a questo tema con il titolo "Book to the future"... insomma si guarda al futuro che è già in parte presente.

E noi abbiamo confrontato l'editoria classica, che si basa ancora su inchiostro e carta, a quella digitale. E lo abbiamo fatto con Lele Rozza di BLONK Link esternouna casa editrice digitale e Francesca Chiappero legata all'editoria cartacea e direttrice della rivista DMAGLink esterno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.