Navigation

Dopo 14 anni di lavori, apre la centrale idroelettrica di Nant de Drance

Presente all'inaugurazione anche la ministra dell'energia Simonetta Sommaruga. © Keystone / Laurent Gillieron

Si trova in Vallese ed è il secondo impianto di questo tipo più grande al mondo, che funge da batteria gigante grazie a un sistema di pompaggio e turbinaggio. Servirà a stabilizzare la rete elettrica svizzera in un momento dove ce n’è davvero bisogno. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 settembre 2022 - 22:03
tvsvizzera.it/MaMi con Keystone-ATS

A quattordici anni dall'inizio dei lavori, oggi è stata inaugurata la centrale vallesana di pompaggio-turbinaggio di Nant de Drance (ne avevamo parlato anche quiLink esterno). All'evento hanno partecipato centinaia di persone, tra cui la consigliera federale Simonetta Sommaruga, "ministra" dell'energia.

Il colossale cantiere, di un costo di circa 2 miliardi di franchi, era stato lanciato ufficialmente l'8 settembre 2008. La centrale era in costruzione dalla primavera del 2009 sul territorio del comune di Finhaut, tra i due laghi artificiali di Vieux Emosson ed Emosson, più a valle, situati a circa 2000 metri di quota.

Il servizio odierno del TG:

Contenuto esterno

L'impianto sfrutta la differenza di quota di circa 300 metri tra le due dighe di Emosson per generare energia. Servirà in particolare a soddisfare l'aumento della domanda di elettricità nelle ore di punta. Agisce come una batteria con una capacità di stoccaggio di 20 milioni di chilowattora (kWh) nel lago superiore, l'equivalente di 400'000 batterie di auto elettriche, ha detto alla stampa Alain Sauthier, direttore di Nant de Drance SA.

Il funzionamento è spiegato anche in questo video:

"Una struttura come Nant de Drance svolge e continuerà a svolgere un ruolo essenziale nella stabilizzazione della rete elettrica svizzera ed europea. Con la sua capacità di stoccaggio e la sua rapida produzione, rappresenta un importante contributo alla sicurezza dell'approvvigionamento della Svizzera", ha spiegato Sommaruga, responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).

Il progetto ha richiesto enormi investimenti per installare due gruppi ulteriori di pompaggio-turbinaggio e innalzare di 21,5 metri la diga di Vieux Emosson, in modo da raddoppiarne la capienza. L'impianto, che dovrebbe generare circa 2,5 miliardi di kWh di energia all'anno, si trova 600 metri sotto terra, nelle montagne a una dozzina di chilometri a sudovest di Martigny, presso il confine con la Francia. La struttura ha 18 chilometri di gallerie e un'enorme caverna, chiamata cattedrale per le sue dimensioni: 52 metri di altezza, 32 metri di larghezza e 194 metri di lunghezza.

Gli azionisti della società Nant de Drance sono Alpiq (39%), FFS (36%), la compagnia energetica di Basilea Città IWB (Industrielle Werke Basel, 15%) e le Forces Motrices Valaisannes (FMV, 10%), di proprietà del Cantone e dei Comuni.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?