Navigation

Suicidio assistito, stop del municipio di Chiasso

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 21 febbraio 2017 - 19:39
tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 21.2.2017)

Il Municipio di Chiasso ha preso posizione riguardo al presunto caso di suicidio assistito avvenuto negli scorsi giorni nella centralissima Via San Gottardo.

Nel pomeriggio è stato infatti emanato un decreto di sospensione che si traduce nell’impossibilità temporanea di svolgere questa discussa pratica nella cittadina di confine. Ma per la società protagonista del contestato episodio, la LLexit che aveva già vanamente provato ad insediarsi sotto altra denominazione sociale a Melano, le autorità comunali non intendono rilasciare autorizzazioni nemmeno in futuro.

La sospensione riguarderà anche l’altra impresa che ha depositato negli scorsi giorni la domanda di costruzione in Via Pedroni per un centro della cosiddetta “dolce morte” per malati terminali.

Scaduti i termini di pubblicazione, tra due settimane, il municipio cittadino prenderà la sua decisione sulla licenza edilizia, che in ogni caso non potrà essere accordata in zona residenziale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.