Navigation

Disordini in Svezia, diversi feriti

Le manifestazioni vanno avanti da giorni Keystone / Johan Nilsson

Proseguono i disordini scoppiati in Svezia dopo una serie di comizi di estrema destra in diverse città.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 aprile 2022 - 17:52
tvsvizzera.it/mrj

Continuano in Svezia le proteste che iniziate giovedì, in risposta alle azioni anti-islam di un gruppo di estrema destra, che ha bruciato pubblicamente una copia del Corano.

Domenica tre persone sono timaste ferite dal rimbalzo di colpi sparati dalla polizia a Norköpping, nell’est del Paese. Le loro condizioni non sono note, ma secondo le autorità sono finite all'ospedale e sono anche in stato d'arresto insieme a un'altra ventina di persone. 

I manifestanti sono scesi nelle piazze di quattro città  per protestare contro l'arrivo di Rasmus Paludan, un leader di estrema che ha fondato il partito "Linea Dura" in Danimarca, ma che è anche cittadino svedese.

Contenuto esterno

L’avvocato 40enne ha iniziato a farsi conoscere nel 2017: i video che pubblicava su YouTube hanno raccolto decine di milioni di visualizzazioni. Da allora Paludan infiamma gli animi per i suoi discorsi contro l'islamizzazione della società e per la sua abitudine di dar fuoco al Corano al termine dei suoi comizi. Un gesto che ha rifatto anche negli scorsi giorni. Nelle città di Orebro e Malmö (che conta il maggior numero di musulmani di tutto il Paese) auto e cassonetti sono stati bruciati, diverse vetrine sono finite in frantumi e la polizia è stata oggetto di lanci di pietre.

Paludan organizza i suoi comizi nelle città e nei quartieri a forte presenza musulmana ed è già stato condannato per razzismo. Le autorità svedesi due anni fa hanno cancellato i suoi raduni per questioni di odine pubblico, ma si sono rifiutate di vietarli del tutto per preservare la libertà di parola.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?