Navigation

Disordini in Cina: il regime censura le immagini delle proteste

Contenuto esterno

Giornalisti fermati, video cancellati dai social network, polizia schierata nei principali centri del Paese. Così Pechino risponde alle più grandi manifestazioni anti-regime dalla rivolta di Piazza Tienanmen. Domenica centinaia di persone erano scese in strada per protestare contro la strategia "Zero-Covid" delle autorità cinesi, spingendosi in alcuni casi a chiedere addirittura le dimissioni di Xi Jinping. Nel corso della notte è inoltre scattata la censura delle autorità cinesi: sui social network tutte le informazioni riguardanti le proteste sembrano essere state cancellate. Le forze dell'ordine, inoltre, hanno preso di mira anche i giornalisti occidentali, arrestati e malmenati dagli agenti. Pechino dal canto suo minimizza, spiegando che i giornalisti in questione non si erano identificati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2022 - 13:10
tvsvizzera.it/mrj

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?