Navigation

Unioni civili, scarso successo in Svizzera

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 10 gennaio 2017 - 10:01
tvsvizzera/spal con RSI (TG 20.00 del 9.1.2017)

Le unioni civili, denominate in Svizzera unioni domestiche registrate, che garantiscono alle coppie omosessuali diritti analoghi (ma non identici) a quelli previsti per il matrimonio, compiono 10 anni ma l’interesse per questo istituto, dopo l’iniziale entusiasmo, pare essere scemato parecchio.

Nel 2015 sono state infatti solo 701 nella Confederazione le coppie che hanno deciso di formalizzare la loro unione, a fronte delle 2004 del 2007, anno in cui entrarono in vigore le nuove normeLink esterno in seguito al fallito referendum lanciato dalla piccola formazione di destra Unione democratica federale (UDF) contro la legge uscita dalle Camere federali.

A ostacolare la diffusione delle unioni civili, riservate alle coppie omosessuali, c’è soprattutto il timore di venire discriminati ogni qual volta si è costretti a esibire la propria documentazione, ad esempio in occasione di un colloquio di lavoro.

Ma la situazione potrebbe anche cambiare, alla luce del dibattito che si terrà a Berna il prossimo anno quando verrà discussa la proposta di equiparare le unioni civili al matrimonio. La legge attuale mantiene infatti ancora importanti divergenze tra i due istituti giuridici, in particolare in tema di adozione e fecondazione artificiale.

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.