Navigation

Quattro ore di colloqui tra Biden e Putin

Stretta di mano tra Putin e Biden all'arrivo dei due leader a Villa La Grange dove si tiene il summit. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Il vertice Biden-Putin si è concluso poco dopo le 17. I colloqui sono durati circa quattro ore. I due leader sono stati accolti dal presidente Guy Parmelin che ha fatto gli onori di casa a Villa la Grange.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2021 - 17:45
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

Primo ad arrivare alla Villa La Grange è stato Vladimir Putin, giunto in mattinata a Ginevra con un volo da Mosca. Subito dopo il presidente americano che ha stretto la mano all'omologo russo alla presenza del presidente della Confederazione Guy Parmelin. 

La Svizzera è "felice, in conformità alla sua tradizione di buoni uffici, di favorire il dialogo e la mutua comprensione, vi auguro un dialogo fruttuoso nell'interesse dei vostri paesi e del mondo", ha detto il consigliere federale ai due ospiti. Da parte sua Vladimir Putin si è rivolto a Joe Biden affermando che "ci sono molte questioni che si sono accumulate, spero che il nostro incontro oggi sia produttivo". In risposta l'inquilino della Casa Bianca ha sostenuto che è "sempre meglio incontrarsi faccia a faccia".

I due leader mondiali, accompagnati dalle rispettive delegazioni, si confrontano nel pomeriggio nella biblioteca della villa La Grange, immersa nel suggestivo parco che confina con la riva del Lago Lemano nel quartiere des Eaux-Vives, su un'agenda di colloqui estremamente fitta, con alcune piccole pause tra un argomento e l'altro.

Tra i numerosi temi affrontati figuravano anche le spinose questioni all'origine della crisi tra i due paesi: interferenze russe nelle ultime campagne presidenziali statunitensi, caso Navalny e Bielorussia. Non senza trascurare accenni alla controversa presenza russa nel Mediterraneo e in Siria e agli arsenali balistici dei due paesi.  

A garantire il tranquillo svolgimento dei colloqui provvedono 2'000 agenti della polizia di Ginevra e altri 900 provenienti da altri cantoni. L'esercito è presente con 1'000 soldati mentre le forze aeree presidiano lo spazio aereo, temporaneamente ridotto dal 15 al 17 giugno in un raggio di 50 chilometri e fino a 6'000 metri.

La diretta multimedialeLink esterno dell'evento su rsi.ch.

Contenuto esterno



I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.