Navigation

Smog, i costruttori tedeschi interverranno su 5 mln di auto

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 02 agosto 2017 - 21:07
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 2.8.2017)

Cinque milioni di auto diesel tedesche saranno sottoposte a un aggiornamento del software, secondo quanto ha annunciato l’Unione dell’industria automobilistica tedesca (VDA) riunita a Berlino per decidere interventi per abbattere l’inquinamento prodotto dai motori.

La misura, la prima di quelle che sono state concordate al vertice delle case tedesche, interesserà 5,3 milioni di veicoli euro 5 e, in parte, euro 6 (di cui la metà sono fabbricati dalla Volkswagen).

Al momento i costruttori, che si sono posti l’obiettivo di ridurre le emissioni dei veicoli di ossido di azoto tra il 25% e il 30%, non prevedono costi a carico dei proprietari di veicoli.

Da parte sua il ministro dei trasporti tedesco, Alexander Dobrindt, ha illustrato i risultati del vertice affermando che "abbiamo preso le misure necessarie e le più veloci per ridurre le emissioni nocive, proteggere la salute dei cittadini ed evitare il blocco della circolazione dei veicoli diesel”. 

Oltre all’aggiornamento dei contestati software gli industriali prevedono investimenti per 250 milioni di euro destinati alla mobilità urbana (mezzi pubblici), la creazione di un fondo per la digitalizzazione della mobilità, lo sviluppo e la trasformazione verso il modello delle "smart-city" e incentivi, a carico dei fabbricanti, per sostituire il parco auto, in particolare dei vecchi modelli euro 1, 2 e 3.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.