La televisione svizzera per l’Italia

Decesso durante l’arresto, chiesta l’assoluzione degli agenti

Agenti all esterno dell aula della corte correzionale distrettuale a Renens, alla periferia di Losanna.
Agenti all'esterno dell'aula della corte correzionale distrettuale a Renens, alla periferia di Losanna, dove si celebra il processo che vede imputati sei poliziotti. © Keystone / Salvatore Di Nolfi

Dopo una nuova perizia il procuratore pubblico chiede l’assoluzione per i sei poliziotti alla sbarra a Renens (Losanna) per la morte di un indiziato nel 2018.

Colpo di scena lunedì al processo che si celebra nel Canton Vaud per il decesso di un presunto spacciatore nigeriano avvenuto durante il suo arresto. Il ministero pubblico vodese ha ritirato l’accusa di omicidio colposo e chiesto l’assoluzione degli imputati che rischiavano una condanna fino a tre anni di detenzione.

Nella requisitoria davanti al Tribunale correzionale distrettuale di Renens (Losanna) il procuratore Laurent Maye ha rinunciato all’imputazione contenuta nell’atto d’accusa emanato dopo 5 anni di indagini.

Gli agenti hanno effettivamente “violato le regole di prudenza” del manuale di polizia svizzero tenendo l’uomo di colore sulla pancia a lungo dopo averlo ammanettato ma non esisterebbe un nesso causale tra la violazione di queste prescrizioni e il decesso del presunto spacciatore.

Secondo le istruzioni di polizia, la posizione del fermato va cambiata rapidamente e, stando alle registrazioni radio, il 40enne è rimasto prono per tre minuti prima di perdere conoscenza. Tuttavia, è impossibile affermare che questa posizione abbia causato la sua morte, ha affermato Laurent Maye.

A sostegno della sua nuova tesi, il procuratore ha fatto riferimento agli esami medico-legali, che non hanno potuto stabilire con certezza le ragioni dell’arresto cardiorespiratorio dell’indagato. Il decesso, stando alla perizia, avrebbe infatti una ragione “multifattoriale”. Poiché non esiste un nesso causale, Maye ha concluso che gli agenti di polizia non possono essere condannati.

Il 40enne era stato arrestato il 28 febbraio 2018 durante un controllo nell’ambito della lotta alla droga nei pressi della stazione di Losanna. Ha opposto resistenza e sei agenti erano intervenuti per arrestarlo.

Dopo essere stato tenuto a pancia in giù, ha perso conoscenza. Ricoverato all’ospedale universitario vodese (CHUV), è morto il giorno successivo.

Questo fatto aveva suscitato nella capitale del Canton Vaud un’ondata di proteste e manifestazioni contro l’operato della polizia.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR