Navigation

Dal grande rifiuto al Bancarella 2014

"Altre stelle urugayane" di Stefano Marelli, nonostante i tanti rifiuti dagli editori quest'anno ha ricevuto l'ambito riconoscimento dei librai

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 maggio 2014 - 09:25

Al Salone del libro di Torino dello scorso anno Stefano Marelli ha presentato la sua opera prima "Altre stelle uruguayane". Un libro di grande successo, tanto che quest'anno ha vinto il premio Bancarella Sport 2014. Sport perché il libro racconta le vicissitudini di un calciatore diventato, grazie a uno scherzo del destino, un grande campione. Tanto da diventare uno strumento di propaganda di Benito Mussolini. Ma la storia del calciatore diventa anche e soprattutto l'occasione per riflettere sugli orrori del '900 ma anche della sua grande bellezza. E il libro, che poteva non venire alla luce, dopo tante peripezie, è stato pubblicato dalla Rubbettino e ora ha vinto il Premio Bancarella Sport 2014.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.