La televisione svizzera per l’Italia

Crediti Covid: denunce penali per oltre 300 milioni di franchi

Tavoli e sedie da ristorante vuoti
I truffatori provengono per lo più dai settori dell'edilizia, della ristorazione e del commercio. Keystone / Salvatore Di Nolfi

Finora in Svizzera sono state presentate 2'767 denunce penali per uso improprio potenziale o effettivo di crediti Covid-19. L'importo dovuto potrebbe raggiungere i 307 milioni di franchi svizzeri.

Questo secondo i dati aggiornati a fine marzoCollegamento esterno dai ministeri delle Finanze e dell’Economia e riportati dalla NZZ am SonntagCollegamento esterno.

Circa 708 dei 2’767 procedimenti penali sono stati conclusi. Nei casi chiusi la somma in gioco – l’importo dovuto che non è stato pagato entro una data specifica – è di circa 59,3 milioni di franchi svizzeri, mentre nei 2’059 casi ancora aperti di 247,5 milioni di franchi svizzeri.

Le truffe riguardano per lo più i settori dell’edilizia, della ristorazione e del commercio, stando a quanto scrive domenica il settimanale. 

Secondo i ministeri delle Finanze e dell’Economia, l’importo corrisponde al volume dei prestiti al momento della loro concessione. Non tiene conto delle perdite effettivamente subite.

Anche la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha indicato domenica che l’importo non significa che i fondi siano andati persi. 

Abuso “inevitabile”

Per assicurarsi la liquidità durante il lockdown, le aziende potevano richiedere i prestiti Covid-19 tra il 26 marzo e il 31 luglio 2020. Circa 125 banche hanno partecipato al programma di prestiti ponte.

Il governo ha concesso una garanzia di credito massima di 40 miliardi di franchi svizzeri. Durante questo periodo sono stati concessi quasi 138’000 prestiti Covid-19 per un totale di circa 17 miliardi di franchi.

La tabella dei ministeri delle Finanze e dell’Economia mostra anche che in 4’405 casi è stata effettuata una correzione senza denuncia penale. In 1’933 casi i sospetti di abuso non sono stati confermati; 4.648 casi sono ancora in fase di indagine. L’elenco comprende solo le denunce penali di cui le organizzazioni di garanzia sono a conoscenza.

La SECO ha presentato un concetto di audit per la lotta agli abusi nel maggio 2020. In quell’occasione, aveva indicato che il sistema era stato deliberatamente concepito per essere poco burocratico e che un potenziale abuso era inevitabile.

I principali rischi sono rappresentati da informazioni incomplete nel modulo di domanda, da possibili informazioni errate sul fatturato o da società che, al momento della presentazione della domanda, si trovano in procedura fallimentare o di successione o in liquidazione.

Recenti condanne

Negli ultimi mesi sono balzate agli onori della cronaca diverse condanne di sospetti truffatori. A novembre un tribunale penale di Losanna ha condannato un uomo d’affari a sei anni e mezzo di carcere per frode sui prestiti Covid e altri reati.

L’uomo avrebbe fornito informazioni false sulle sue società nel richiedere i prestiti e avrebbe gonfiato le cifre del fatturato delle sue aziende. Aveva ricevuto un prestito d’emergenza Covid-19 di 3 milioni di franchi svizzeri.

Pochi giorni fa un presunto truffatore è stato arrestato all’aeroporto di Zurigo mentre cercava di lasciare il Paese. È accusato di aver ottenuto indebitamente un prestito Covid di quasi 300’000 franchi svizzeri come membro del consiglio di amministrazione di una società registrata a Zugo.

Attualità

L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR