Navigation

Un passaporto, cento interrogativi

Il Covid Pass è già realtà a Bolzano RSI-SWI

Il progetto di Covid Pass della provincia autonoma di Bolzano, già operativo, è oggetto di un'istruttoria aperta dal Garante della privacy.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2021 - 11:00
Marco Todarello, Rsinews

La provincia autonoma di BolzanoLink esterno, in Italia, è stata ad esempio la prima a rendere disponibile il "corona pass", un passaporto vaccinale che autorizza chi lo possiede ad accedere a determinate aree (ristoranti al chiuso) o a compiere attività (nuoto o altri sport di contatto) non consentite agli altri.

Si tratta di un semplice QR code che il gestore dell'attività può "leggere" con il suo smartphone e verificare la non contagiosità della persona.

Per ottenere il codice è necessario essere in una di queste tre condizioni: aver completato un ciclo di vaccinazione (2 dosi), essere guariti dal Covid o aver fatto un tampone antigenico nelle 72 ore precedenti.

"Lo screening collegato al corona-pass sta funzionando - ha detto il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno KompatscherLink esterno - lo abbiamo fatto prima che altrove e i risultati già si vedono".

Tuttavia, in Italia, si è acceso il dibattito sulle disuguaglianze che il corona pass creerebbe nei diritti dei cittadini. Il Garante per la Privacy ha aperto un'istruttoria per verificare la legittimità del progetto.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.