Navigation

Scarcerato il boss pentito Giovanni Brusca

Giovanni Brusca il giorno della sua cattura avvenuta il 21 maggio 1996. Ap / Alessandro Fucarini

L'autore della strage di Capaci in cui morì il giudice Falcone (con la scorta), poi divenuto collaboratore di giustizia, è tornato in libertà.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 giugno 2021 - 13:50
tvsvizzera/ats/spal con RSI (Tg dell'1.6.2021)

Ha lasciato il carcere dopo 25 anni, per fine pena, il boss mafioso Giovanni Brusca, fedelissimo del capo dei capi di Cosa nostra, Totò Riina, prima di diventare un collaboratore di giustizia ammettendo, tra l'altro, di aver azionato la bomba esplosa a Capaci (in cui morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre uomini della scorta) e nell'omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo (il bambino fu strangolato e sciolto nell'acido).

«Ho ucciso Giovanni Falcone. Ma non era la prima volta: avevo già adoperato l'auto bomba per uccidere il giudice Rocco Chinnici e gli uomini della sua scorta. Sono responsabile del sequestro e della morte del piccolo Giuseppe Di Matteo, che aveva tredici anni quando fu rapito e quindici quando fu ammazzato. Ho commesso e ordinato personalmente oltre centocinquanta delitti. Ancora oggi non riesco a ricordare tutti, uno per uno, i nomi di quelli che ho ucciso. Molti più di cento, di sicuro meno di duecento.»

Giovanni Brusca (nel libro "Ho ucciso Giovanni Falcone")

End of insertion

Brusca ha lasciato lunedì il penitenziario di Rebibbia, a Roma, con 45 giorni di anticipo rispetto alla scadenza delle condanne a 26 anni. Sarà sottoposto a controlli e protezione e a quattro anni di libertà vigilata, come deciso dalla Corte d'Appello di Milano.

Il boss 64enne di San Giuseppe Jato, che era stato arrestato nel 1996 nel suo covo in provincia di Agrigento, sarebbe stato scarcerato nel 2022. Ma la pena si è ancora accorciata per la "buona condotta" dopo che a Brusca erano stati concessi alcuni giorni premio di libertà.

Il killer di Cosa Nostra, esecutore della strategia sanguinaria del padrino di Corleone Riina, ha ammesso di aver commesso 150 omicidi. Tra i suoi efferati delitti anche l'eliminazione di Rocco Chinnici nel 1983, l'ideatore del pool antimafia alla procura di Palermo assieme a Falcone e Borsellino. 

Qualche mese dopo l'arresto cominciò a rivelare i retroscena e il contesto di tanti delitti e degli attentati a Roma e Firenze del 1993, mettendo da parte ogni remora quando ebbe la certezza che ne avrebbe ricavato quei benefici che ora gli hanno ridato la libertà.

Tra le tante reazioni indignate per la scarcerazione di Brusca, anche quella di Luciano Traina, ex poliziotto della squadra mobile e fratello di Claudio, uno degli agenti uccisi nella strage di via D'Amelio insieme al giudice Borsellino.

Contenuto esterno

tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG dell'1.6.2021)

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.