Navigation

Arrestato Duccio Astaldi, presidente della Condotte SpA

La magistratura di Messina ha disposto martedì l'arresto di sei persone, tra cui Duccio Astaldi. La sua azienda è attiva anche in Svizzera, in particolare nella costruzione della galleria ferroviaria di base del Monte Ceneri.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2018 - 11:35
tvsvizzera.it/mar
Duccio Astaldi in una foto del marzo 2010 quando sono stati avviati i lavori di scavo per la galleria di base del Monte Ceneri. Keystone

Gli arrestati sono coinvolti in un'inchiesta su una presunta tangente per i lavori di realizzazione di tre lotti dell'autostrada Siracusa-Gela. Le accuse mosse dalla magistratura di Messina nei confronti dei sei sono di abuso d'ufficio, turbata libertà degli incanti e corruzione.

Oltre ad Astaldi, sono stati posti agli arresti domiciliari, tra gli altri, il presidente del consiglio d'amministrazione della Cosige, Antonio D'Andrea, e l'ex capo della segreteria tecnica dell'ex governatore siciliano Rosario Crocetta, Stefano Polizzotto. 

Nell'indagine sono coinvolte altre cinque persone, tra cui i componenti della commissione che avrebbe dovuto verificare le offerte per appaltare le opere.

La Condotte SpA, che con un giro d'affari di oltre 1,3 miliardi di euro è tra le imprese italiane leader nel settore delle costruzioni, è attiva anche in Svizzera. In particolare partecipa direttamente ai lavori della costruzione della galleria di sicurezza del traforo del Gran San Bernardo e del tunnel ferroviario di base del Monte Ceneri, tra Bellinzona e Lugano, la cui inaugurazione è prevista nel 2020. Attraverso un'altra ditta da lei controllata, la Cossi SpA, l'azienda di Duccio Astaldi ha partecipato anche ad altri importanti lavori in Ticino, ad esempio la costruzione della galleria Vedeggio-Cassarate, il progetto Generoso e l'autostrada Chiasso-San Gottardo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.