Navigation

Quattro secoli fa il 'Sacro macello' in Valtellina

Un episodio che tutti i valtellinesi conoscono. RSI-SWI

Quattrocento anni fa, la Valtellina fu teatro di un eccidio di protestanti. Tra il 19 e il 23 luglio del 1620, centinaia di persone furono uccise da bande cattoliche. Il 'Sacro macello', nome col quale il massacro è passato alla storia, sarà commemorato da un libro e con un convegno storico che si terrà in settembre a Tirano.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 luglio 2020 - 10:55
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 19.07.2020)

I riformati erano una minoranza, e un gruppo di cattolici era deciso a cancellarla dalla regione. "La fase iniziale è stata quella più violenta, a Tirano e Teglio, e poi Sondrio. Scendendo verso la bassa valle la violenza è diminuita", rievoca lo storico Saverio Xeres. Furono uccisi anche dei cattolici che non vollero collaborare alla strage o avvisarono i protestanti.

La presenza evangelica in Valtellina e a Chiavenna era giovane. Dalla metà del Cinquecento comunità riformate erano sorte un po' ovunque, grazie soprattutto alla predicazione di profughi religiosi italiani. Ma sotto l'impulso della Controriforma e degli interessi politici della Spagna che governava il ducato di Milano, il clima si deteriorò fino a quel bagno di sangue.

Ai primi del '600, il governatore spagnolo di Milano fece costruire all'imbocco della Valtellina una fortezza presidiata da una cospicua guarnigione. RSI-SWI

La strage del luglio del 1620 ha lasciato una traccia nella coscienza collettiva. "Forse l'unico episodio che tutti i valtellinesi conoscono è questo", osserva Xeres. Quel che non tutti ricordano, è che per un certo tempo gli abitanti della valle furono vicini ai riformati, con i quali condivisero molto e dai quali certamente impararono qualcosa. "E invece sappiamo soltanto che li abbiamo ammazzati, e questo è impressionante", conclude lo storico.

Contenuto esterno
Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.