Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Concerto al LAC Paolo Conte incanta Lugano

Paolo Conte ha incantato il pubblico di Lugano con un concerto in un teatro stracolmo. Le atmosfere d’antan che fanno rima “col rumore che fa il cellophane”: c’era tutto il suo mondo al concerto di ieri sera al LAC. 

conte

Grande concerto di Paolo Conte al LAC di Lugano

Era dall’esibizione al PalaCongressi all’inizio degli Anni Novanta che l’ottantunenne cantautore astigiano non tornava a Lugano, dove con Recital nel 1982 venne registrato proprio dalla RSI il suo primo concerto live.

E l’avvocato prestato alla musica non si è risparmiato e accompagnato da un’orchestra di dieci elementi ha spaziato in oltre cinquant’anni di carriera, prima paroliere poi cantautore. Non ha cantato né Azzurro scritta per Celentano, né Bartali di Jannacci o la Genova per noi di Lauzi, ma riproposto il tradizionale repertorio fatto di ritmi jazz, ambientazioni coloniali e immagini cinematografiche. Un giro del mondo di evocazioni alla Corto Maltese, sinestesie in musica (“verde milonghe”, “diavolo rosso” e “tinelli marròn”).

Tante madeleine per il pubblico “contiano” che nonostante il prezzo del biglietto non proprio popolare ha stipato ogni posto della sala teatro e che alla fine, dopo il tradizionale bis – Via con me con il ritornello “it’s wonderful, it’s wonderful” scandito dal battimani – gli ha tributato un’immancabile ed entusiasta standing ovation.

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box