Navigation

Salari troppo bassi nelle aziende partner di Zalando?

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2017 - 21:02
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 19.12.2017)

Una settimana fa i sindacati hanno lanciato l’allarme: nelle aziende di subappalto svizzere di Zalando le condizioni di lavoro sarebbero inaccettabili. La Radiotelevisione svizzera è andata a curiosare.

Pessimo salario orario, lavoro su chiamata, contratti a termine e forte pressione sui tempi: le condizioni di lavoro nelle ditte che lavorano per il gigante del commercio online Zalando sono intollerabili. A denunciare la situazione è stato il sindacato Unia.

I pacchetti spediti ai clienti svizzeri arrivano dalla Germania, ma vi sono delle ditte elvetiche che si occupano delle restituzioni. La prima, MS Direct, si occupa della Svizzera orientale, la seconda, Ingram Micro, di quella occidentale.

I vertici della MS Direct respingono con fermezze. “Versiamo 19.10 franchi lordi come salario iniziale, compresi gli indennizzi per vacanze e festivi”, ha dichiarato il portavoce dell’azienda Sven Bradke.

Uno stipendio insufficiente, secondo il sindacato, che rivendica un minimo di 22 franchi l’ora. Troppo però per la ditta, secondo la quale con una cifra simile non potrebbe più svolgere la sua attività in Svizzera.

Visto che il dialogo con l’azienda elvetica è stato interrotto, Unia intende ora rivolgersi direttamente al committente. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.